Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Meglio…la Cina che la Spagna: la squadra di Wuhan torna a casa per evitare il contagio

Una situazione che definire paradossale è poco. Il Wuhan Zall, la squadra della città da cui è partita la pandemia di Covid-19, quando tutto è cominciato era in Spagna, dove è rimasta per evitare il contagio. Ma ora che i casi aumentano,...

Redazione Il Posticipo

Una situazione che definire paradossale è poco. Il Wuhan Zall, la squadra della città da cui è partita la pandemia di Covid-19, quando tutto è cominciato era in Spagna, dove si stava preparando per l'inizio della Chinese Super League. I ventisette calciatori della squadra erano arrivati a fine gennaio all'aeroporto di Malaga per il ritiro pre-stagionale a Cadice. Quando è esplosa l'epidemia, tutti quanti sono stati controllati e nessuno aveva sintomi, anche perchè persino nei giorni precedenti al loro arrivo i giocatori si erano allenati lontano da Wuhan.

BLOCCATI IN SPAGNA - Le autorità cinesi hanno però rinviato il campionato e la squadra ha preferito rimanere nella penisola iberica, mentre nella città dove gioca di solito era in atto una quarantena. Nel frattempo i calciatori hanno continuato ad allenarsi e, nella sfortuna, hanno avuto un'occasione davvero unica: assistere al Clasico tra Real e Barça, giocato al Bernabeu, da invitati della Casa Blanca. Ora però il virus è arrivato anche dalle parti di Madrid, come conferma la positività al Covid-19 di un cestita del Real, mentre in Cina la situazione va verso un lento ma graduale miglioramento.

TORNARE A CASA - Ed ecco che arriva il paradosso, perchè come riporta AS, il Wuhan Zall tornerà nella giornata di sabato nel suo paese, visto il rapido deteriorarsi della situazione in Spagna. Lo ha spiegato a Efe l'allenatore, José González: "Il problema ora è qui, in Cina è praticamente risolto". Dunque, meglio prendere il volo verso la madrepatria, prima che arrivino limitazioni ai voli dall'Europa per paura di un ritorno anche del contagio. E l'amara ironia della questione non può certo sfuggire: la squadra di Wuhan che per evitare il virus...torna in Cina, piuttosto che rimanere in Spagna. Se non fosse una situazione drammatica, forse verrebbe anche un po' da ridere.