Megan Rapinoe punge Messi e CR7: “Non si impegnano abbastanza per il calcio femminile”

Megan Rapinoe punge Messi e CR7: “Non si impegnano abbastanza per il calcio femminile”

Dopo il Mondiale è arrivato anche il Pallone d’Oro: l’obiettivo numero uno di Megan Rapinoe però continua ad essere la difesa dei diritti del calcio femminile. L’attaccante statunitense lo ha ribadito e ha mandato una frecciata al giocatore del Barcellona e ai suoi colleghi…

di Redazione Il Posticipo

Megan Rapinoe ha vinto il Pallone d’Oro femminile: una notizia poco sorprendente considerato il valore dell’attaccante, trascinatrice degli Stati Uniti al Mondiale 2019. La premiazione parigina è stata una bella occasione per sollevare un bel trofeo, ma soprattutto per… tirare le orecchie a chi potrebbe e dovrebbe fare di più considerato il suo status.

APPELLO – La Rapinoe è stata schietta come sempre ai microfoni di France Football, come riportato da Sportbible e si è appellata alle grandi star di sesso maschile: “Voglio gridare: Cristiano Ronaldo, Leo Messi, Zlatan Ibrahimovic… aiutatemi. Questi grandi giocatori non si impegnano affatto anche se ci sono così tanti problemi nel calcio. Hanno forse paura di perdere tutto? Potrebbero crederlo, ma non è vero… Chi bandirebbe Messi o Ronaldo dal mondo del calcio perché si sono espressi contro il razzismo o il sessismo?”. 

GAFFE IBRA – Messi è notoriamente silenzioso quando si tratta di parlare di questioni fuori campo, CR7 e Ibra invece si sono spesso espressi contro gli abusi razziali. Lo svedese però ha fatto una bella gaffe nel 2013 quando ha parlato di calcio femminile ai microfoni del quotidiano Expressen: “Con tutto il rispetto per quello che hanno fatto le donne in modo fantastico, non è possibile confrontare il calcio maschile con quello femminile. Non è uno sport nemmeno divertente”. 

MOTIVAZIONI –  La Rapinoe comunque non molla. Sa che il premio le è stato assegnato per le sue prestazioni in campo, ma non solo: “Da un lato sono un’ottima calciatrice, dall’altra parte la mia battaglia attira l’attenzione di tutti. La gente capisce che sto cercando di trovare soluzioni ai problemi della società. Non temo le conseguenze delle mie parole. Viaggio per conferenze e riunioni e sono sfinita, ma sono in prima linea per migliorare le cose nel nostro mondo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy