Maxi Lopez aneddoto su Ronaldinho: “Ai tempi del Barcellona mi sfondò la porta per farmi uscire”

L’attaccante argentino del Crotone ricorda il suo ambientamento complicato a Barcellona. Sino a che il brasiliano…

di Redazione Il Posticipo

Maxi Lopez e Ronaldinho. Un legame saldatosi ai tempi del Barcellona, quando il calciatore del Crotone, ancora molto giovane, faticava a integrarsi nel mondo blaugrana. Sino a che il brasiliano ha deciso di aiutarlo nell’integrarsi… sfondandogli la porta di casa.

DIFFICILE – Le parole dell’attaccante, in forza al Barcellona dal 2004 al 2006,  sono state riportate dal Mundo Deportivo.  “Sono arrivato a Barcellona nella mia prima esperienza in Europa dopo aver giocato con continuità in Argentina ed essere stato decisivo in Superclasico giocando con la mia squadra del cuore, il River. Vincemmo. Feci una grande prestazione e per me si spalancarono le porte dell’Europa. Arrivai  in una squadra con molti giocatori importanti e mi hanno fatto giocare accanto a Ronaldinho. Un vero campione. Ricordo come mi abbia aiutato moltissimo nell’ambientamento dentro e fuori dal campo. I primi tempi per me è stato molto difficile integrarmi, capire ed entrare nelle dinamiche di gruppo”.

SFONDAMENTO – Da assist man e fine realizzatore, il brasiliano ha preso il posto di Lopez, trasformandosi in una sorta di centravanti di sfondamento, nel senso più pieno del termine. “Sono tornato a casa e una volta diede un calcio alla porta per entrare e portarmi fuori. Mi ha portato fuori a cena, conoscere la città”. Passare delle serate con Ronaldinho deve essere stato divertente. Maxi Lopez invece svela un lato nascosto del brasiliano: “Ronaldinho è sempre stato così, con tutti i miei compagni di squadra. Un ragazzo che ti coinvolgeva fuori dal campo con la sua irrefrenabile gioia di vivere. Avevamo formato davvero un bel gruppo, con cui siamo ancora oggi in contatto. Insieme a me uscivano Rafa Marquez, Guly, Thiago Motta, Belletti. Eravamo uniti in modo davvero eccezionale. Un gruppo fantastico al netto dei risultati che abbiamo raggiunto quando eravamo in campo”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy