Matthaus spaventa il Dortmund: “Haaland già pronto per andare via”

L’ex calciatore spaventa il Borussia Dortmund: ritiene che il tempo di Haaland in Germania sia già finito

di Redazione Il Posticipo

Matthaus spaventa il Borussia Dortmund. Il calciatore tedesco campione del mondo nel 1990 ritiene che il tempo di Haaland in Germania sia già finito. Il ragazzo del resto, ha dei numeri da fare invidia a qualsiasi top player In meno di un anno solare ha segnato tantissimo. E ha avuto un impatto immediato nel suo nuovo club, segnando una tripletta di 23 minuti al suo debutto e terminando i primi sei mesi con ben 16 gol in 18 partite in tutte le competizioni. E nel 2020/2021 è stato ancora più devastante: 17 gol in 14 partite finora, al netto di un infortunio che lo ha… limitato. Quanto basta e avanza per attirare l’attenzione di mezza Europa. E, secondo Matthaus, la sua permanenza al Dortmund è destinata a essere breve.

LEADER – Il campione del Mondo ha spiegato al sito ufficiale della Bundesliga la sua teoria. L’attaccante norvegese è un fuoriclasse destinato ad alti livelli dopo aver contribuito alle fortune del Dortmund. “Ritiene che Haaaland sia stata una fortuna per l’intero movimento calcistico tedesco. “Erling Haaland è una vittoria non solo per il Dortmund ma per l’intera Bundesliga. Il Dortmund deve essere contento di averlo preso perché è un attaccante adatto a un club che gioca un calcio offensivo. Ha soli 20 anni ed è una macchina. È un attaccante straordinario, non corre, vola. E porta con sé un’energia positiva nella squadra. È  già un insostituibile. Non a caso  è considerato al Dortmund come Robert Lewandowski lo è al Bayern”.

(Photo by Christof Koepsel/Bongarts/Getty Images)

FUTURO – Caratteristiche che lo rendono già da top club, con tutto il rispetto per il Dortmund. “Haaland è un giocatore che in attacco non solo è capace di far gol, ma sa anche trascinare la squadra. È un giocatore completo e soprattutto è un calciatore che sa cosa deve fare. Lavora molto anche in difesa e questo è sempre un qualcosa che mi piace molto. Non è uno che si limita a stare in avanti, ma lavora per la squadra e i compagni. Questa positività che irradia è contagiosa. E per tutti questi motivi ritengo che un giorno, neanche troppo lontano, Haaland non giocherà più al Dortmund e farà il passo successivo. È già pronto per il grande salto in un top club europeo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy