Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Matthaus: “Nagelsmann è un grande allenatore ma… non ha ancora vinto niente”

LEIPZIG, GERMANY - MARCH 03: Julian Nagelsmann, Head Coach of RB Leipzig speaks during a TV Interview prior to the DFB Cup quarter final match between RB Leipzig and VfL Wolfsburg at Red Bull Arena on March 03, 2021 in Leipzig, Germany. Sporting stadiums around Germany remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Stuart Franklin/Getty Images)

Lothar Matthaus si complimenta con il Bayern Monaco per la mossa-Nagelsmann ma ammonisce: "Non ha ancora vinto niente".

Redazione Il Posticipo

Champions ed Europa League sono arrivate alle semifinali. In Germania, però, l'attenzione è catalizzata dalla notizia dell'incarico di Julian Nagelsmann come allenatore del Bayern Monaco. Dopo la sorpresa e qualche polemica legata al pagamento della clausola, ora i pezzi grossi della storia del club bavarese cominciano a dire la propria sull'argomento. E ovviamente, i media non potevano esimersi dal pubblicare il parere della leggenda Lothar Matthaus. Il tedesco ha una propria rubrica sul sito di Sky. E si complimenta con il club per la mossa ma ammonisce: "Non ha ancora vinto niente".

BENVENUTO - L'ex Campione del Mondo ritiene Julian Nagelsmann un grande allenatore. "Lo ha  abbondantemente "dimostrato a Hoffenheim e soprattutto a Lipsia. Fa giocare un grande calcio di successo, è estremamente tattico e ora ha il compito del Bayern Monaco che gli incombe sulle spalle. Ma  questo è un dato di fatto: non ha ancora vinto un titolo". Certo, poi bisogna chiedersi come mai Julian Nagelsmann non sia ancora riuscito a vincere un trofeo. Innanzitutto, è giovanissmo... più di Neuer. Difficile competere con lo strapotere economico e tecnico del Bayern Monaco e la freschezza del Borussia Dortmund. Tuttavia, le cose potrebbero cambiare a breve visto che il Lipsia giocherà la semifinale di coppa di Germania contro il Werder Brema.

 (Photo by Dean Mouhtaropoulos/Bongarts/Getty Images)

FLICK - C'è un po' di rammarico, comunque, nella leggenda del club bavarese e della nazionale tedesca per l'addio al club da parte di Hansi Flick: “Personalmente, penso ancora che avrebbe potuto restarci per più tempo. Se si fosse agito in modo più sensato si sarebbero trovate delle possibili soluzioni. Sfortunatamente, devo rivolgere questa accusa a tutte le persone coinvolte al Bayern. Un allenatore che si adatta così bene alla società, alla squadra e ai tifosi deve in qualche modo essere ascoltato, senza rinunciare all'autorità di agire". Insomma, c'è dell'entusiasmo e del rammarico. Come al solito, quando si tratta di cambiamento nei grandi club, è difficile che non nascano delle polemiche.