Matthäus boccia il Psg: “Ne parlo con Al-Khelaifi ma non capisco che cosa vuole fare. Mi aspettavo di più da Tuchel”

Matthäus boccia il Psg: “Ne parlo con Al-Khelaifi ma non capisco che cosa vuole fare. Mi aspettavo di più da Tuchel”

Estate tormentata e poco chiara finora per il club francese, reduce da una stagione deludente, successo nella Ligue 1 a parte. L’ex calciatore tedesco non è stato tenero nei confronti del Psg e nemmeno in quelli del suo connazionale Thomas Tuchel…

di Redazione Il Posticipo

Che ne sarà del Psg? Il club francese sta affrontando un’estate di transizione dopo il finale burrascoso della stagione 2018-19 tra la sconfitta in Coppa di Francia e il nervosismo imperante nello spogliatoio che hanno finito per offuscare la vittoria in Ligue 1. Poi c’è la Champions, ferita scoperta del club fuori di fila agli ottavi nelle ultime due stagioni nonostante i soldi spesi per Neymar e Mbappé, due stelle che hanno fatto intendere di voler levare le tende.

LA BOCCIATURA – Lothar Matthäus è stato duro nei confronti del Psg ai microfoni di AFP: “Non vedo un’idea chiara dietro la gestione del club. Il Psg è uno dei club favoriti per la vittoria della Champions, ma non so che direzione voglia prendere. A volte ne parlo col presidente Al-Khelaïfi: siamo amici. Non vedo un concetto chiaro. Quali giocatori resteranno? Quali andranno via? Cambiare troppo spesso non dà stabilità”. L’ex calciatore tedesco è convinto che per vincere serva altro: “La cosa più importante per un progetto a lungo termine è la stabilità”.

TUCHEL CRITICATO – Matthäus ha parlato anche del suo connazionale Tuchel, alla guida del club dalla stagione 2018-19: “Ci si aspettava molto da lui, ma alla fine ha vinto solo un titolo, che potrebbe rivincere, cioè la Ligue 1. Tuchel ha perso le Coppe ed è stato eliminato in Champions agli ottavi contro il Manchester United. Devo ammettere che mi aspettavo molto di più da lui”. Buona la seconda stagione? La situazione Neymar e un mercato finora senza botti (Gueye dall’Everton, Diallo dal Borussia Dortmund e Sarabia dal Siviglia i nomi più importanti) fanno pensare a un’estate di transizione e forse a un’altra stagione in salita per il club francese allenato da Tuchel.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy