Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Matthäus accusa il Bayern: “Se Manè e De Ligt dicono ai club che vogliono andarsene è ok, se lo fa Lewa no…”

Matthäus accusa il Bayern: “Se Manè e De Ligt dicono ai club che vogliono andarsene è ok, se lo fa Lewa no…” - immagine 1
Il campione del mondo 1990 ha detto chiaro e tondo che il Bayern usa due pesi e due misure. Se un giocatore fa...le bizze per andare al Bayern va bene, quando, come nel caso di Lewandowski, è il contrario, il club si oppone...

Redazione Il Posticipo

La questione Lewandowski continua a tenere banco a Monaco di Baviera. Il calciatore alla fine si è presentato al ritiro e non sciopererà, ma comunque continua a tenere fermo il punto: vuole andare al Barcellona. Il Bayern, dal canto suo, è altrettanto irremovibile: devono arrivare 50 milioni e devono arrivare subito, senza rateizzazioni. Un muro contro muro che non fa gli interessi di nessuna delle due parti in causa. E che, come chiosa Lothar Matthäus, ha anche un retrogusto di ipocrisia. Il campione del mondo 1990, nella sua rubrica su Sky Deutschland, ha detto chiaro e tondo che il Bayern usa due pesi e due misure.

Manè e De Ligt

Anche perchè il...metodo Lewandowski è lo stesso applicato da Sadio Manè, già a Säbener Straße, e da Matthijs de Ligt, che potrebbe arrivare presto: far capire al proprio club che l'interesse è quello di andarsene. "Il Bayern è stato molto contento che prima Manè e poi De Ligt abbiano fatto sapere, almeno a livello interno, ai loro club che volevano andare al Bayern, in modo che i club poi potessero trovare una soluzione. Questo di solito velocizza i trasferimenti, perchè le società, quando sanno che un giocatore vuole andare via, alla fine decidono di accettare offerte che siano ragionevoli". Quello che però con il polacco non sta accadendo.

Lewandowski bloccato

"Robert Lewandowski ha fatto la stessa identica cosa, dicendo pubblicamente che vuole andare al Barcellona. Ma in questo caso, il Bayern non vuole lasciare andare un calciatore che ha fatto tanto per il club, neanche di fronte a un'offerta da 40 milioni di euro, che è un prezzo più. che ragionevole. Attrarre a Monaco di Baviera altri calciatori in questo modo va bene, lasciare che i propri giocatori realizzino i loro desideri ovviamente no. E questo non è bello". Matthäus poi parla di "molti errori di entrambe le parti in causa, sia nella comunicazione interna che in quella esterna". Ma il Panzer spera che le cose alla fine si risolvano. "Per il club e per il giocatore, che apprezzo tantissimo e di cui sono un grande fan. Penso che si troverà un accordo che andrà bene a tutte le parti in causa". Sempre che il Bayern sia disposto a scendere a compromessi...