Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Marocco, non è finita: la Federcalcio fa ricorso per l’arbitraggio

Marocco, non è finita: la Federcalcio fa ricorso per l’arbitraggio - immagine 1
Curioso che il precedente, in tal senso, non sia incoraggiante e riguardi un'altra sfida fra la Francia e una nazionale nordafricana.

Redazione Il Posticipo

La semifinale fra Francia e Marocco avrà una coda. E anche piuttosto polemica. La Federcalcio, come postato sul profilo twitter ufficiale ritiene che la nazionale sia stata privata di "due rigori indiscutibili" nella semifinale del Mondiale persa contro la Francia. E Così ha deciso di presentare ricorso.

INDIGESTA

—  

La direzione di gara è stata indigesta. La FRMF rha annunciato giovedì di aver interpellato "l'organo competente" per contestare le decisioni arbitrali. con tanto di comunicato stampa. "La FRMF ha inviato una lettera all'organo competente in cui ritorna sulle situazioni arbitrali che hanno privato la selezione marocchina di due sanzioni indiscutibili secondo diversi specialisti. Il FRMF afferma ancora di aver "protestato con forza" contro la prestazione del messicano César Arturo Ramos e si stupisce "che il sistema di assistenza video all'arbitrato, non abbia ritenuto lecito intervenire alla luce di quanto accaduto La federazione marocchina non risparmierà alcuno sforzo per difendere e preservare i diritti delle squadre nazionali, sostenendo l'equità negli arbitrati e denunciando queste decisioni arbitrali prese durante questa semifinale". Nel mirino, in particolare il contatto fra  Boufal e Theo Hernandez nell'area francese. E il secondo episodio è invece legato  Aurélien Tchouaméni avesse circondato Youssef En-Nesery nell'area.

Marocco, non è finita: la Federcalcio fa ricorso per l’arbitraggio - immagine 1

PRECEDENTE

—  

Curioso che il precedente, in tal senso, non sia incoraggiante e riguardi un'altra sfida fra la Francia e una nazionale nordafricana. Tutto risale alla sfida giocata e persa dai blues contro la Tunisia dopo che l'arbitro, il neozelandese Matthew Conger, aveva deciso di annullare il gol di Griezmann al VAR dopo averlo convalidato e fischiato la fine della partita. E per completare l'opera, aveva fatto giocare un altro minuto prima di emettere nuovamente il triplice fischio finale. La Francia aveva presentato ricorso. In quella occasione, la FIFA ha liquidato il caso con un laconico comunicato in cui affermava di non aver accolto la richiesta della FFF. E tutto lascia credere che sarà così anche per il Marocco.