Marca…spinge Messi lontano dal Barcellona: “Perdere Leo è una benedizione”

In Spagna esistono testate più vicine al Real e altre al Barça e anche le prime pagine fanno parte di questa partita a scacchi che coinvolge la Pulce e il club catalano. E Marca, storicamente legato ai Blancos, fa i conti in tasca ai blaugrana e spiega che perdere Messi…è una benedizione

di Redazione Il Posticipo

In Spagna ci sono molte squadre di grandissima tradizione calcistica, ma alla fine tutto o quasi è riassumibile in una dicotomia ben precisa: Real Madrid contro Barcellona. Blancos contro blaugrana, Castiglia contro Catalogna, la corona contro l’indipendentismo. E si potrebbe andare avanti molto a lungo, includendo anche Cristiano Ronaldo contro Messi. Il primo è ormai lontano dalla Liga, il secondo potrebbe esserlo a breve. E così come gli animi, anche…la stampa si divide. Esistono testate più vicine al Real e altre al Barça e anche le prime pagine fanno parte di questa partita a scacchi che coinvolge la Pulce e il club catalano.

CONTI IN TASCA – Dunque Marca, storicamente legato al Real e alla capitale spagnola, spiega che per il Barcellona perdere Messi…è una benedizione. Proprio così, senza mezzi termini. Ovviamente si parla dell’aspetto finanziario e non di quello calcistico, ma si tratta comunque di un qualcosa che difficilmente si può pensare, figurarsi dirlo ad alta voce. Il quotidiano però fa i conti in tasca ai blaugrana e spiega che, anche se “nessuno che capisce di calcio può considerare una buona notizia perdere Messi”, le casse del Barça potrebbero tirare un sospiro di sollievo se l’argentino riuscisse a liberarsi dal suo contratto, accasandosi così lontano dal Camp Nou.

RISPARMIO – Marca spiega che si tratterebbe di un risparmio enorme, nell’ordine dei 120 milioni di euro lordi. A cui vanno aggiunti anche quelli degli ingaggi altri calciatori in uscita, tra cui Luis Suarez, Vidal e Rakitic. La testata spagnola calcola che sfoltendo la rosa il Barcellona potrebbe arrivare a risparmiare 200 milioni, senza contare i soldi incassati dalle cessione dei cartellini che il club riuscirà a monetizzare. Una bella iniezione di denaro per il Barcellona del futuro, che però avrebbe come conseguenza uno smantellamento della squadra del presente, con uscite importanti e difficilmente colmabili. Dunque, benedizione ma fino ad un certo punto. E fino a prova contraria, questa situazione al momento…conviene solo al Real.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy