Maran: “Fa male, meritavamo un risultato positivo ma c’è la base da cui ripartire”

L’Udinese vince contro il Genoa ma la prestazione dei rossoblù è positiva.

di Redazione Il Posticipo

L’Udinese vince contro il Genoa una partita che la squadra di Maran era riuscita a pareggiare a pochi istanti dal termine. Questione di centimetri. Gol annullato dalla VAR e così i rossoblu incassano l’ennesima sconfitta. Il tecnico analizza la sfida ai microfoni di Sky Sport.

BEFFA – Il Genoa è apparso in crescita, la squadra ha messo in campo orgoglio e cuore ma il coraggio non è bastato. “Fa male meritavamo un risultato positivo, anzi credo che fra le due squadre alla fine è stato il Genoa a proporre il calcio migliore. Dispiace anche per l’episodio finale abbiamo avuto anche una grande reazione. Mi spiace ma è una prestazione da cui ripartire. Abbiamo ritrovato gamba, distanze. I ragazzi sono scesi in campo con il piglio giusto, è comunque un aspetto positivo. Anche prima del gol annullato avevamo creato i presupposti per cercare il risultato e l’avevamo anche trovato. Peccato”.

PROSPETTIVE – La classifica, al netto dei complimenti, si fa alquanto pesante. Il Genoa era stato allestito per non soffrire come lo scorso anno ma si ritrova nuovamente in fondo alla classifica. Il “Continuiamo a contare gli assenti ma i ragazzi stanno cercando di tirarsi fuori da questa situazione. Siamo soddisfatti della prestazione e dobbiamo fissarla come obiettivo. Partire da certi presupposti aiuta. Oggi meritavamo di più ed è assolutamente innegabile. Sarei preoccupato se non vedessi passi in avanti. Eravamo consapevoli di dover attraversare un periodo difficile. Oggi mi aspettavo di ritrovare la squadra ed è successo. Ci è mancato solo il conforto del risultato. Sento ancora fiducia e supporto da parte della società. Remiamo tutti insieme per uscire il prima possibile da questa situazione. E se abbiamo messo in seria difficoltà l’Udinese sul suo campo significa che il gruppo c’è”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy