Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Maran: “Dobbiamo dimenticare quella sfida con la Lazio. Ci ha lasciato scorie”

Seconda sconfitta nel 2020, quarta consecutiva per il Cagliari. Resta da capire se sia un periodo di appannamento o un ritorno ad una realtà.

Redazione Il Posticipo

Il Milan si impone in Sardegna. Il Cagliari esce ridimensionato, ma chiude comunque il girone d'andata in piena zona Europa al netto del secondo stop (quarto consecutivo) in questo 2020. Un mini crisi per una squadra che si era arrampicata sino al quarto posto. Resta da capire se sia un periodo di appannamento o un ritorno ad una realtà dopo una classifica sovradimensionata rispetto alla caratura di una squadra che sembra più attrezzata per la zona Europa League rispetto ai sogni di Champions.

RIDIMENSIONATI - Maran si presenta ai microfoni di Sky Sport e analizza il match: "Nel primo tempo abbiamo giocato con l'intensità giusta pur soffrendo la loro fisicità. Il primo tempo è stato migliore dei nostri avversari, poi si è concesso un gol troppo facile che ha condizionato la gara. Poi non abbiamo ritrovato il ritmo e la gara si è messa in salita. Non deve accadere. Questi episodi influiscono, stiamo concedendo troppo e questo condiziona non solo i risultati ma anche gli atteggiamenti in campo anche dal punto di vista del ritmo e dell'entusiasmo".

CALO - La sensazione è che il Cagliari abbia perso equilibrio. E sia un po' stanco. prende gol sui calci piazzati. "Abbiamo preso un gol praticamente da metà campo. Non è concepibile. Devo trovare il modo affinché ciò non accada più. Non siamo stati capaci di mettere in pratica alcune idee sviluppate prima della gara. Adesso mettiamoci i paraocchi e guardiamo avanti". La stagione, al netto delle quattro sconfitte consecutive, resta eccezionale. "La partita con la Lazio ha lasciato scorie che non ci siamo ancora tolti. I numeri risentono anche di quel match. Dobbiamo toglierci dalla testa quest'aspetto. Siamo sesti, dobbiamo cambiare trend. La flessione non è fisica, mi sembra dettata dall'insicurezza. La classifica ce la siamo guadagnata sul campo, ma quello che stiamo facendo adesso non la rispecchia. Facciamo tesoro di questo momento negativo per riprenderci".