Maradona, parla Rocìo: “Diego deve risolvere i problemi con l’alcol. Io non c’entro niente”

La ragazza non vuole essere indicata come colpevole dei problemi di Diego.

di Redazione Il Posticipo

Quanto sta accadendo intorno al ricovero in clinica di Diego Maradona continua a far discutere. Il quotidiano Olè riporta nuovi particolari. Da una parte, la spiegazione del dottore. Dall’altra, le parole di Rocìo Oliva, la ex compagna di Diego che parla di problemi legati all’assunzione di alcol.

CURE – Il soggiorno, secondo il suo medico personale Leopoldo Luque è stato necessario.  Il dottore  ha spiegato come uno dei fattori principali che ha portato al ricovero è Diego fosse stato un crollo legato al suo compleanno vissuto in un periodo particolare che ha acuito la depressione dell’ex campione argentino. Poi gli esami hanno evidenziato la necessità di un intervento alla testa.

EX – In Argentina si parla molto della sua ex, Rocìo Oliva, indicata dall’opinione pubblica come la principale responsabile delle crisi di Diego. E il quotidiano argentino ha raccolto le sue dichiarazioni, rilasciate su Súper Mitre Deportivo “Il 9 settembre Diego è stato ricoverato per la stessa cosa. Sono 3 giorni di controlli, ma in questo caso è più deteriorato rispetto a prima. Qui quello che succede è semplice. Diego va in clinica per tre o quattro giorni e torna in forma perché viene idratato e gli sono somministrate le vitamine, ma questa non è una soluzione. Diego deve risolvere  il problema dell’assunzione di alcolici. È disidratato, perché non beve acqua, ma molto alcol e nient’altro”.

COLPE – La ex di Maradona  ha anche voluto chiarire che non accetterà di essere indicata come la colpevole dei problemi di Diego. “Quello che stanno già  dicendo è che lui sia molto triste per colpa di Rocìo, ma io non ho niente a che fare con la sua depressione e non pagherò per una situazione in cui io nn c’entro nulla. Da quando mi sono separata non ho avuto molti contatti con lui, quando ho parlato con Claudia mi ha detto che Diego ha un sogno ed è quello di riunire i suoi figli, e io posso aiutarlo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy