calcio

Maradona contro tutti: “Nello spogliatoio nessuno ha gli attributi”

Mancanza di attributi e di voglia di lottare. Questa l'accusa, senza mezzi termini di Diego Armando Maradona, che nella trasmissione De la Mano del Diez si lancia a capofitto contro tutti i responsabili delle debacle dell'Argentina contro la Croazia.

Redazione Il Posticipo

"Se non sono volati schiaffi è perchè nello spogliatoio nessuno ha gli attributi. Se qualcuno adesso fosse con una borsa del ghiaccio in faccia sarebbe meglio". Mancanza di attributi e di voglia di lottare. Questa l'accusa, senza mezzi termini di Diego Armando Maradona, che nella trasmissione De la Mano del Diez su Telsesur si lancia a capofitto contro tutti i responsabili delle debacle dell'Argentina contro la Croazia. "Abbiamo preso tre gol e nessuno ci ha messo la gamba come avrebbe dovuto. I croati sembravano usciti da Arancia Meccanica". E evidentemente nessuno, nè il tecnico nè qualche giocatore, ha fatto la voce grossa negli spogliatoi. Qualcosa che al Diez proprio non è andata giù.

SPIRITO ARGENTINO - E Maradona la prende anche...molto sul personale. "Bisogna rispettare quello che io ho fatto in passato. Perchè non ho fatto i gol che ho fatto contro il Belgio o contro l'Inghilterra perchè non mi allenavo o perchè non mi gettavo in prima linea. Anzi, tutto il contrario. Ho dato l'anima ogni volta che ho indossato la maglia dell'Argentina, come Simeone, Redondo, Ruggeri, Caniggia, Fillol, Luque o Gallego. E bisogna capire quale sia il grado di passione o la capacità di sentirla propria di quelli che la devono indossare ora". Una squadra senz'anima, dunque, incapace o che non vuole dare tutto per l'Albiceleste. Al contrario di quelle che hanno vinto il Mondiale.

COLPE - Molti problemi. E Messi, da solo, non può fare miracoli. "Non pretendiamo che vinca la coppa da solo, Leo ha giocato come ha potuto. È difficile risolvere i problemi dei compagni, lo so per esperienza personale. La colpa non è di Messi, ma di tutti, a partire dalla dirigenza della Federazione fino a Sampaoli". Che ha un demerito particolare. La scelta del portiere. "Caballero ha fatto un disastro terribile. E se si manda a casa Romero, che in otto anni non ne ha sbagliata una, e si mette in porta Caballero, la colpa può essere solo ed esclusivamente dell'allenatore".