Maradona accusa: “C’è molta ipocrisia, quelli che mi criticano per la droga sono pieni di cocaina anche loro”

Tra un tuffo nel fango e una cena argentina, continua l’avventura di Diego Armando Maradona alla guida dei Dorados de Sinaloa. E continuano anche le polemiche riguardanti il passato del Diez. Che ha voluto controbattere alle accuse e ha a sua volta attaccato chi lo critica.

di Redazione Il Posticipo

Tra un tuffo nel fango e una cena argentina, continua l’avventura di Diego Armando Maradona alla guida dei Dorados de Sinaloa. E continuano anche le polemiche riguardo la scelta…geografica del Pibe de Oro. Del resto, quando il Diez ha annunciato che sarebbe andato ad allenare a Culiacán, sede di uno dei maggiori cartelli della droga del mondo, più di qualcuno ha sorriso per la casualità. Ma ormai alle battute e alle insinuazioni Maradona è abituato e non risponde neanche più. Anzi, quasi più, perchè in un’intervista con la testata argentina Infobae, Diego ha voluto controbattere alle accuse e ha a sua volta attaccato chi lo critica.

IPOCRISIA – Difficile lasciarsi il passato alle spalle, soprattutto quando c’è chi non fa altro che ricordarlo. Ma il Diez ha un’idea ben precisa dei suoi accusatori. “Non credo che mi giudichino per il mio passato, ma sapete che c’è? In Argentina ci sono molti ipocriti. E tutti quelli che fanno i santi e indossano il saio sono pieni di cocaina anche loro. Non crediate che si droghino soltanto i ragazzini poveri, assolutamente no. In Argentina c’è tanta gente che sniffa e sniffa droga di ottima qualità. E io lo so, perchè l’ho sniffata con loro“. Semplice, diretto e al punto.

CAPRO ESPIATORIO – E Diego ne ha anche per Fernando Signorini, il suo storico preparatore atletico, che più di una volta ha sostenuto che la cocaina sia stata necessaria per arrivare al livello raggiunto dal Pibe de Oro nella sua carriera. Un pensiero che, aggiunge Diego, aveva motivazioni dietro motivazioni particolari. L’utilizzo del Diez come capro espiatorio di una situazione molto diffusa. “Hanno approfittato di quello che è successo a me per giustificare i figli drogati dei deputati e dei grandi dirigenti di azienda. Ma il tempo è galantuomo e mi darà ragione“. Poi per fortuna si parla anche di altro. Come della panchina. Diego ha intenzione di smettere? “No, almeno finchè le ginocchia mi terranno su. Poi lascerò“. Ma intanto, continua a far parlare di sè.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy