calcio

Un mondiale…senza cuore: la sicurezza nega l’ingresso al tamburo di Manolo

Manolo, il celebre tifoso della Spagna meglio noto come El Bombo, ha avuto dei problemi con le rigide misure di sicurezza russe. E alla fine gli hanno impedito di introdurre il suo leggendario tamburo allo stadio...

Redazione Il Posticipo

La Spagna ha vinto? Benissimo, ma per qualcuno è stato un giorno un po' triste. Toglietemi tutto, ma non il tamburo. E invece Manolo, lo storico tifoso spagnolo, meglio noto come “El Bombo”, non ha potuto seguire alla sua maniera la nazionale spagnola. Del resto le regole sono chiare: vietato introdurre tamburi allo stadio. E così la Spagna si è dovuta rassegnare e ha rinunciato alla parte più folkloristica dell'"esfuerzo y sentimiento" che l’ha accompagnata dal 1982. Manolo segue le Furie Rosse ovunque. Come sostiene le spese? È proprietario di un bar a Valencia e di un Museo del Calcio. La Federcalcio spagnola lo aiuta economicamente, coprendo in parte le spese per vitto e alloggio. Ma al resto pensa lui con i soldi ricavati dalla sua attività.

TRADIZIONE - Manolo è una figura pittoresca e storica del calcio spagnolo. Non si è perso una sola partita della Roja al mondiale dai tempi dell’edizione casalinga, dove ha...raccolto l'eredità dell'italiano Serafino, che seguiva gli azzurri ovunque con tanto di tamburo. Per Manolo, dopo Spagna '82 sono arrivati viaggi in Messico, Italia, Stati Uniti, Francia, Giappone e Germania e Brasile. Assente giustificato solo nel 2010, quando ha dovuto saltare la kermesse sudafricana. Una ferita ancora aperta, visto che alcuni problemi di salute gli hanno impedito di assistere alla vittoria dell’unica Coppa del Mondo della storia della nazionale iberica. Che adesso dovrà cercare il bis, di nuovo senza il tamburo.

KAZAN – La polizia attorno allo stadio di Kazan è infatti stata irremovibile: impossibile far entrare lo strumento musicale nell'impianto. Manolo, costretto a separarsi per la prima volta nella sua vita da tifoso dal tamburo che l'ha reso celebre, non l’ha presa benissimo e ha rilasciato un’intervista a Marca al riguardo. Delusione comprensibile la sua. Segue la Spagna da sempre e deve anche convivere con dei problemi cardiaci. Basta osservarlo, è tutto tranne che un tifoso violento o un facinoroso che aizza le folle. Vuole solo incitare la sua nazionale alla sua maniera e sperare che vinca. Ma, oltre a denunciare l'embargo al Bombo, Manolo ha anche espresso un giudizio sulla nazionale. Fortunatamente l’assenza del tamburo non ha condizionato il risultato della Roja, ma il super tifoso è comunque rimasto deluso. “Abbiamo sofferto troppo con l’Iran, va bene solo il risultato”. Analisi tecnica spietata, ma neanche troppo lontana dalla realtà di questo Mondiale. Che vedrà ancora protagonista il buon Manolo. Con o senza tamburo.