Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Manè-Klopp, è guerra fredda: il senegalese non dà la mano al tecnico che lo ha fatto partire dalla panchina

(Photo by Jason Cairnduff - Pool/Getty Images)

Il Liverpool vince a Old Trafford contro lo United, ma a prendersi i riflettori è il grande freddo tra il tecnico e il suo attaccante. La panchina non è stata per nulla gradita dal senegalese…

Redazione Il Posticipo

Quella del Liverpool è davvero una stagione particolare. Quando nella scorsa estate i Reds hanno vinto il titolo di Premier League, già ampiamente ipotecato prima dello stop forzato dovuto al Covid-19, sembrava arrivato il momento giusto per aprire un ciclo vincente. Prima la Champions e poi il campionato nazionale avevano convinto che la squadra di Klopp ormai fosse in grado di superare agevolmente il City di Guardiola. E invece non è stato così, perchè mentre i Citizens hanno già portato a casa il torneo, gli uomini di Klopp combattono strenuamente per entrare nelle posizione che valgono l'Europa che conta. Da cosa è dipeso questo calo? Dagli infortuni, soprattutto quello di Van Dijk. Ma anche dalla pessima annata di Sadio Manè.

NIENTE MANO - Il senegalese, uno dei protagonisti delle grandi vittorie degli anni passati, è incappato nella sua stagione peggiore. Lo ha spiegato lui stesso, raccontando di aver fatto anche più di qualche esame specialistico per capire se nel suo fisico ci fosse qualcosa che non va. Quel che è certo è che qualcosa sta andando storto nel rapporto con Klopp. La vittoria per 2-4 del Liverpool nel recupero del match contro lo United prende una sapore agrodolce perchè, come racconta il Sun, l'attaccante si rende protagonista di un gesto che decisamente non è da lui. A fine partita, Manè ha rifiutato la stretta di mano del suo tecnico, una mossa che ha scatenato parecchie critiche nei suoi confronti da parte degli addetti ai lavori.

 (Photo by Peter Powell - Pool/Getty Images)

NESSUN PROBLEMA - Con tutta probabilità, l’attaccante non ha gradito il fatto di essere partito dalla panchina, entrando a dieci minuti dalla fine al posto di Diogo Jota, lanciato titolare assieme a Firmino e a Salah. E Klopp, come l'ha presa? Considerando che il mancato saluto è stato l'argomento più toccato nel post-partita, quasi più del match stesso, sorprendentemente bene. Il tedesco si è presentato davanti alle telecamere e ha cercato di calmare la situazione, prendendosi la colpa: "Non ci sono problemi, ho deciso all’ultimo momento di far partire Diogo Jota dall’inizio. Di solito sono cose che spiego ai calciatori, ma stavolta non c’è stato il tempo di farlo”. Sarà, ma intanto ad Anfield tira un vento gelido…