Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Malcom è il giocatore del mese. E lo Zenit gli consegna il premio con un drone

Cerimonia piuttosto originale per Malcom. Il club lo ha voluto premiare come giocatore del mese, ma per non violare le norme la consegna avviene con un... drone.

Redazione Il Posticipo

L'esperienza in Russia di Malcom, per ora, non è esattamente indimenticabile, ma il calciatore, rientrato dopo un infortunio, ha dato il suo contributo nella sfida vinta per 7-1 contro l'Ural. Quanto basta per guadagnarsi le simpatie dei tifosi che lo hanno votato come miglior giocatore del mese di marzo. Come riportato dal Sun, però, ciò che ha fatto notizia è stata... la consegna,

CONSEGNA - Il 23enne, come tutti i giocatori, è ligio nel rispettate le disposizioni e rimane isolato in casa in quarantena. Impossibile dunque, ricevere il premio in sede ma... no problem. La società provvede ugualmente alla consegna in modo piuttosto originale. La cerimonia si svolge a casa del calciatore.  Malcom riceve il premio grazie a un drone.  Nella clip, il brasiliano si riprende mentre cammina verso la sua finestra prima che arrivi il... pacco. Nel contempo, una seconda telecamera inquadra il velivolo telecomandato che atterra perfettamente  sul pavimento e permette il ritiro del premio.  Nel video, che vuole essere un invito a restare a casa, Malcom dice: "Ho appena ricevuto un messaggio:devo aprire una finestra. Voglio ringraziare tutti i fan dello Zenit. Grazie per aver votato per me. Sono molto felice, ma restate a casa. È importante".

INCONVENIENTE - Non tutto però è andato per il meglio. In casa, Malcom non era solo. In sua compagnia, infatti, c'era anche un simpatico gattino che non ha vissuto benissimo la cosa. Il povero micio, infatti, è rimasto terrorizzato dal rumore dell'apparecchio e l'avvicinarsi del premio è corrisposto con la fuga a gambe levate del povero animale domestico, terrorizzato dall'intrusione. Lo scatto è degno del suo padrone. Tutto bene, comunque. L'ambientamento del ragazzo continua. Anche a dispetto di una pandemia che non è più forte dell'affetto dei tifosi.