Maifredi: “La Juventus segue da anni Icardi, è il profilo ideale per il suo attacco”

L’ex tecnico ha analizzato tutti gli scenari possibili, a partire dalla sfida per il trofeo nazionale.

di Redazione Il Posticipo

La Juventus fra la Coppa Italia, la sfida contro l’Inter che potrebbe ricandidarla pesantemente allo scudetto, e il mercato: Maifredi ha una idea precisa. L’ex tecnico, intervenuto a Radio Bianconera, ha analizzato tutti gli scenari possibili, a partire dalla sfida per il trofeo nazionale: “Non vedo particolari insidie per una squadra come la Juventus in una sfida contro il Genoa. Non credo neanche ci saranno calciatori che si permetteranno di prendere la partita sottogamba. Certamente l’Inter può essere un pensiero inconscio ma conoscendo la mentalità della Juventus non penso possa influire”.

MERCATO – Maifredi ha quindi analizzato la rosa della Juventus e dove e come potrebbe migliorare. “Credo che alla Juventus serva un centravanti di ruolo e il profilo giusto è Icardi, che fra l’altro stanno seguendo da tempo. Morata mi ha sorpreso molto, anche perché è molto più completo rispetto a quando ha lasciato Torino. In ogni caso un terminale alto d’area, quale è appunto Icardi, sarebbe ideale. Più importante, però, trovare la coesione: ruotare gli uomini è molto importante dal punto di vista fisico. La Juve, comunque, ha talmente tanti e bravi calciatori da garantire  a Pirlo la certezza di mettere in campo una squadra competitiva”.

PIRLO – Proprio il tecnico è sulla bocca di tutti. Quasi perennemente. Maifredi ha una sua tesi: “Ha gli occhi addosso perché allena la Juventus ed è stato anche il più grande playmaker degli anni 2000. Non ha fatto gavetta, ma migliorerà attraverso gli errori. Chiaramente non essere in vetta alla classifica non è il massimo quando si è alla guida di una squadra come la Juve, ma credo che il suo lavoro sia comunque apprezzabile. Se la società lo ha investito di una grande responsabilità ha i suoi motivi. In questo momento, poi, il campionato attraversa una fase interlocutoria. I veri valori emergeranno a breve e a fine febbraio le strutture delle squadre saranno ben definite. La Juventus, in questo senso, ha recuperato diversi punti e ha la concreta possibilità di inserirsi. Lotterà sino alla fine con le milanesi e il Napoli. Dico le milanesi perché se il Milan fra due mesi sarà ancora lì bisognerà tenerlo in considerazione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy