calcio

Mai prima del settantesimo: l’assurda clausola del contratto di Oxlade-Chamberlain con l’Arsenal

(Photo by Laurence Griffiths/Getty Images,)

Oggi gioca per Klopp, ma fino a qualche anno fa sfrecciava per Wenger coi Gunners. Quando entrava negli ultimi minuti spaccava spesso le partite in favore dei Gunners. Perché non veniva impiegato prima allora? Una ragione c'era...

Redazione Il Posticipo

Alex Oxlade-Chamberlain: una vita all'Arsenal prima di sbarcare al Liverpool nell'estate 2017. Ma l'esperienza coi Gunners sembrò un film sulle montagne russe: prima grande entusiasmo, poi un ruolo sempre più marginale. Arsene Wenger lo buttava nella mischia per spaccare le partite nei minuti finali. Perché non ricorrere all'inglese un po' prima? Il Daily Mail ha svelato alcuni particolari che oggi fanno chiarezza sulle scelte prese dal tecnico alsaziano in passato.

PER OLTRE 20 MINUTI - Nel 2011 Oxlade-Chamberlain lasciò il Southampton per andare all'Arsenal di Wenger con ottimi presupposti: in 6 anni però l'inglese ha faticato a trovare un posto in prima squadra e il suo impiego a partita in corso divenne sempre meno frequente e... svantaggioso? Come riportato dai tabloid inglesi infatti i Gunners avrebbe versato 11.000 euro ai Saints per ogni presenza del centrocampista che superasse i 20 minuti. Un dettaglio svelato da "The Transfer Market: The Inside Stories", il nuovo libro di Alan Gernon.

GUNNERS INSODDISFATTI - Col tempo sarebbe subentrata una certa frustrazione tra le fila dei tifosi dei Gunners per lo scarso impiego del giocatore. Ma oggi tutto sembra più chiaro: secondo quanto riportato dal libro di Gernon infatti il centrocampista sarebbe stato spesso schierato "a partire dal 71° minuto di gioco" per evitare di versare sistematicamente 11.000 euro nelle casse dei Saints. Insomma, essere prigionieri del proprio contratto è possibile. Su queste basi forse lasciare i Gunners non sarà stato così difficile nell'estate 2017 in favore del Liverpool. Con cui oggi... non gioca! Nessun retroscena contrattuale questa volta: un grave infortunio al ginocchio lo ha messo k.o. e per questa ragione non ha ancora fatto il suo esordio in stagione.