Mai fidarsi della Champions: Lipsia e PSG costano mezzo milione di euro a due sfortunati scommettitori

Mai fidarsi della Champions: Lipsia e PSG costano mezzo milione di euro a due sfortunati scommettitori

Le fasi finali di Champions ed Europa League sono piene di sorprese e hanno causato qualche…mancamento in alcuni tifosi. E non solo in loro: Choupo-Moting e Tyler Adams (con la collaborazione di Savic) sono costati mezzo milione di euro a due sfortunati scommettitori.

di Redazione Il Posticipo

Con il ritorno del calcio, anche le scommesse sono tornate a pieno regime. Dopo mesi in cui gli appassionati cercavano disperatamente partite improbabile nei pochissimi campionati che non avevano chiuso i battenti in giro per il mondo, si è potuti tornare ad affidare le proprie speranze ai più rassicuranti nomi dei top club europei e sudamericani. Le fasi finali di Champions ed Europa League hanno aiutato, ma hanno anche causato qualche…mancamento in alcuni tifosi. E non solo in loro: Sportbible spiega che Choupo-Moting e Tyler Adams (con la collaborazione di Savic) sono costati mezzo milione di euro a due sfortunati scommettitori.

LIPSIA – La rete dell’americano non ha solo spedito il Lipsia in semifinale contro il Paris Saint-Germain, ma ha anche fatto saltare a pochi minuti dalla fine una scommessa cumulativa da quasi 250mila euro. Una giocata da vero esperto, visto che l’anonimo scommettitore aveva fino a quel momento azzeccato tutte le squadre che avevano passato il turno nelle partite precedenti, sia in Europa League che in Champions. Ma la fiducia riposta nel Cholo Simeone e nella sua squadra è decisamente costata cara, nonostante la quota della qualificazione dei Colchoneros fosse tra le più basse tra tutte quelle giustamente previste. E invece Nagelsmann e i suoi ci hanno messo lo zampino.

PSG – Giusto ventiquattro ore prima, era invece stata colpa proprio del PSG se qualcuno ha dovuto stracciare un’altra giocata, stavolta da circa 220mila euro. Anche qui la scommessa era composita e fino al momento in cui Marquinhos non ha pareggiato il vantaggio di Pasalic, tutto andava benissimo per chi aveva puntato sulla Dea. E invece la rimonta degli uomini di Tuchel è stata così improvvisa che probabilmente lo scommettitore non ha neanche avuto la possibilità di incassare parte della vincita, rinunciando al bottino grosso ma salvando il risultato di tanta fatica e di tanta capacità di prevedere i risultati. Ma si sa, la Champions League ormai è la competizione delle sorprese. E quando si scommette…è meglio ricordarlo sempre.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy