Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Maguire: “Salutare Solskjaer è stato emozionante, resterà una leggenda del club. Adesso tocca a noi”

(Photo by Michael Regan/Getty Images)

L'addio di Solskjaer ha segnato il capitano dello United che ha deluso le attese

Redazione Il Posticipo

L'addio di Solskjaer ha segnato Maguire, capitano di un Manchester United che ha deluso le attese. Il primo a pagare, in questo caso, è l'allenatore ma il centrale difensivo, intervenuto in conferenza stampa prima della sfida con il Villarreal, ha invitato la squadra ad assumersi le proprie responsabilità. Le sue parole sono riprese dal manchesterevenings.

ADDIO - Maguire ha raccontato, per sommi capi, l'addio del tecnico norvegese. "Non è mai bello vedere qualcuno perdere il lavoro, non è stato facile trattenere le emozioni quando è venuto a salutarci. Ole è entrato nello spogliatoio e ci ha parlato, è stato un momento molto toccante. Qui tutti hanno un enorme rispetto per lui, è una leggenda del club e lo rimarrà. In questi due anni e mezzo abbiamo condiviso molto, è stato un bel viaggio insieme. Non voglio entrare troppo in profondità su quello che ha detto, ma è un uomo di grande spessore. Ha detto che tiferà per noi,  ci ha spinto a tornare in carreggiata, e di mettere la testa giusta contro il  Villarreal".

 MANCHESTER, ENGLAND - OCTOBER 20: Harry Maguire of Manchester United scores their side's second goal during the UEFA Champions League group F match between Manchester United and Atalanta at Old Trafford on October 20, 2021 in Manchester, England. (Photo by Naomi Baker/Getty Images)

FUTURO - Maguire tornerà al centro della difesa dopo il rosso rimediato con il Watford. Lo United ha totalizzato appena quattro punti su 21 in campionato, ma è in testa al Gruppo F di Champions League. Vietato comunque sbagliare, la classifica è cortissima. Una sconfitta e una vittoria dell'Atalanta relegherebbe i Red Devils al terzo posto. "Siamo consapevoli di non poter sbagliare, così come sappiamo che i risultati recenti non sono all'altezza delle aspettative. Ole ha pagato, adesso tocca a noi assumerci la responsabilità di uscire da questa situazione. Tutto il gruppo è molto deluso e dispiaciuto per l'esonero, è colpa nostra, non siamo stati all'altezza a livello individuale e collettivo. Abbiamo fatto il possibile ma non è stato evidentemente abbastanza. Non ci resta che guardare avanti e cercare di migliorare i nostri risultati è nostro dovere tentate di uscire da questa spirale negativa".