Lode a te, Filippo Magno! – 5 curiosità su Magnini

Fillipo Magnini lascia il nuoto. Una scelta che ha lasciato tutti sorpresi, ma che ha concluso tra gli applausi e l’amore del pubblico la carriera di uno dei migliori nuotatori italiani di tutti i tempi

di Redazione Il Posticipo

Filippo Magnini lascia il nuoto. Un fulmine (più o meno) a ciel sereno, anche se il pesarese a 35 anni non avrebbe comunque potuto ritardare di troppo il passo di addio. Lo fa a pochi chilometri da casa, ai campionati italiani in corso a Riccione. Un fuori programma che ha lasciato tutti sorpresi, ma che ha concluso tra gli applausi e l’amore del pubblico la carriera di uno dei migliori nuotatori italiani di tutti i tempi. Il re dei 100m, la distanza in cui ha conquistato due Mondiali consecutivi, nel 2005 e nel 2007, la freccia della staffetta 4×100 due volte Campione d’Europa. Filippo Magno, soprannome più che azzeccato, lascia una serie di splendidi ricordi a tutto il nuoto italiano. Dentro e fuori dalla vasca.

5 curiosità su Filippo Magnini

Il re delle rimonte

Prima vasca in sordina, poi la potenza di un motoscafo. Le gare di Filippo Magnini sono quasi sempre andate così. Rimonte clamorose nei 50 metri finali, come quella che porta all’oro ex-aequo a Melbourne 2007. La vittoria più difficile, perchè c’era un titolo da difendere. Una peculiarità che spesso e volentieri ha costretto gli avversari a forzare troppo all’inizio per non subire il classico recupero di Magno, costringendo gli altri concorrenti a sprecare energie preziose, facendo spazio…alla rimonta. Un copione che spesso…è stato d’oro.

Ha cominciato la carriera come ranista

Rana e misti, queste le specialità di Magnini a inizio carriera, quando nuotava per il Pesaro Nuoto. Il trasferimento a Torino per motivi di studio coincide anche con il cambio in vasca, con Filippo che comincia a dedicarsi allo stile libero, ottenendo il primo podio ai Campionati Italiani nel 2002. Da quel momento non ci saranno più dubbi sulla sua gara preferita: dodici affermazioni nazionali sui 100m stile libero. Ma come si dice, il primo amore non si scorda quasi mai e due delle 31 medaglie d’oro agli assoluto arrivano proprio dai 100 misti, in cui Magno ha trionfato nel 2004 e nel 2005.

Ha una buona carriera…televisiva

Chi sta ammirando le imprese culinarie di Filippo Magnini su Celebrity Masterchef forse non ricorda che già nel 2008 il due volte campione mondiale si era cimentato con il tubo catodico. Il pesarese era infatti l’inviato di Simona Ventura in Honduras nella sesta edizione de L’Isola dei Famosi, a cui partecipava il collega Leonardo Tumiotto (mistista). E quando nel 2012 a Raoul Bova, anche lui nuotatore prima di intraprendere la carriera da attore, serviva una guest star nella sua fiction Come un delfino, beh, chi meglio del Magno ad interpretare se stesso?

È tifoso dell’Inter

Quando era bambino, Magnini sognava di fare il calciatore. E la maglia che desiderava indossare ha le strisce nerazzurre. Magno è un grande tifoso dell’Inter, anche se ha più volte ammesso di non seguire più il calcio come faceva quando passava le giornate a prendere a calci un pallone. Ma questo non gli impedisce certo di avere un campione preferito che, sorpresa sorpresa, non è interista. Il prescelto è Francesco Totti, un calciatore per cui, parola di Magnini, non esistono le barriere del tifo. Proprio come nel caso del Magno!

Con Federica è stata coppia d’oro

Per anni Magnini e l’altra big del nuoto italiano, Federica Pellegrini, hanno fatto coppia fissa. La storia d’amore è terminata a inizio 2017, ma questo non ha impedito ai due di mantenere un ottimo rapporto, che spesso ha fatto sospettare che la fiammella potesse riaccendersi. Quello che è certo è che mai nessun duo nello sport italiano è stato titolato quanto Magnini e la Pellegrini. Basterebbe l’oro olimpico di Fede, o i sette mondiali combinati tra i due. Ma se si passa agli Europei, o peggio ancora, ai Campionati Italiani, il conteggio si fa quasi impossibile. Come trovare spazio dentro casa a 211 medaglie agli assoluti, con 144 primi posti. Mai come in questo caso è giusto parlare di coppia d’oro. Purtroppo però ormai scoppiata…o forse no?

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy