Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Magie del calcio minore inglese: riflettori rotti? Nessun problema, il centrocampista…fa l’elettricista!

LONDON, ENGLAND - MAY 19: Danny Rowe of AFC Flyde celebrates with the trophy at the end of the FA Trophy Final match between Leyton Orient and AFC Fylde at  Wembley Stadium on May 19, 2019 in London, England. (Photo by Jordan Mansfield/Getty Images)

Un match di FA Trophy rischiava la cancellazione per malfunzionamento dei riflettori. Ma giocare tra dilettanti ha i suoi lati positivi, perchè in campo c'era il centrocampista del Dunston Phil Turnbull, che nella vita...fa l'elettricista. 

Redazione Il Posticipo

La piramide calcistica inglese è ampia e anche...abbastanza complicata. Le squadre che giocano i primi quattro campionati, dalla Premier League alla League Two, sono professionistiche. Quelle nei campionati minori invece sono in parte totalmente dilettantistiche e in altri casi meglio strutturate e quindi semi-professionistiche. Quando si parla di coppa nazionale, però, le differenze si acuiscono. I club delle serie inferiori più importanti hanno la possibilità di entrare a far parte del seed della FA Cup, riuscendo a volte ad avanzare fino a incontrare le big di Premier. Ma le altre, a quale coppa partecipano? Semplice, all'FA Trophy, la versione semi-professionistica della FA Cup. Che, come prevedibile, racconta storie perlomeno particolari.

RIFLETTORI - Come quella del match tra Marine e Dunston. I padroni di casa sono finiti sotto i riflettori quando a gennaio 2021 sono riusciti ad arrivare al terzo turno di FA Cup, ospitando il Tottenham di Josè Mourinho in un match che purtroppo per la comunità del paesino vicino Liverpool si è giocato a porte chiuse a causa della pandemia. Quest'anno per loro niente FA Cup, ma c'è la consolazione dell'FA Trophy. Peccato che stavolta la Marine Travel Arena non sia stata all'altezza della competizione. Come riporta il DailyMail, infatti, i riflettori dell'impianto si sono rotti, costringendo l'arbitro a spiegare che se la luce non fosse tornata prima della 17, avrebbe dovuto cancellare il match per scarsa visibilità. Ma giocare tra dilettanti ha i suoi lati positivi... Già, perchè nelle fila degli ospiti c'era il centrocampista Phil Turnbull, che nella vita...fa proprio l'elettricista.

ELETTRICISTA - Dunque, quando l'arbitro ha lanciato l'ultimatum, Turnbull, con addosso ancora la maglia numero 4, ha cominciato ad armeggiare con la scatola dei fusibili dello stadio, cercando di far funzionare di nuovo i riflettori. Missione fallita, perchè il trentaquattrenne aveva con sè solo gli attrezzi...di uno dei due mestieri, cioè quello del calciatore. Per fortuna, sono arrivati dei suoi colleghi a dargli manforte e dopo cinquanta minuti di stop la partita è potuta ricominciare. E i riflettori sono serviti eccome, perchè il match è arrivato ai calci di rigore. Turnbull ha anche fatto il suo, segnando uno dei penalty, ma alla fine il Dunston è tornato a casa con l'eliminazione dagli undici metri. E se lo avesse solo immaginato, il centrocampista forse neanche si sarebbe impegnato tanto a far tornare la luce!