Macron esalta l’Euro… Champions: Francia e Germania motori d’Europa anche nel calcio

Due tedesche e due francesi in semifinale. I campionati top stanno a guardare.

di Redazione Il Posticipo

L’Europa è una questione fra Francia e Germania.  Nulla di nuovo, le due potenze economico sono le locomotive che trainano il vecchio continente. In ottica calcistica, però, l’eurocentrismo rappresenta una novità: questa Champions destinata a passare alla storia, incrocia pallone, politica ed economia.  Francia e Germania si spartiscono l’Europa,  mentre Spagna, Inghilterra (con tanto di “Brexit” di Guardiola) e Italia stanno a guardare da lontano gli accadimenti. Per la gioia del presidente Macron che twitta il proprio punto di vista a metà fra lo sportivo e il politico.

“A Bruxelles come in campo, Francia e Germania, motori d’Europa! La Merkel non mi biasimerà per aver sostenuto Parigi e Lione martedì e mercoledì”.

1990/1991 – A proposito di Europa, per tornare a uno scenario come quello attuale, occorre un salto temporale di quasi trent’anni, quando l’UE era poco più che neonata, la Germania si era appena riunita e la Francia si affacciava al grande calcio continentale con il Marsiglia. Protagonista, all’epoca, anche l’Est Europa non era ancora politicamente  frammentatosi. In semifinale, allora, arrivarono tedeschi, francesi, russi e jugolsavi. Bayern Monaco, Stella Rossa, e Spartak Mosca. I tedeschi uscirono contro i futuri campioni d’Europa che vinsero la loro prima e unica Coppa dei Campioni. L’Olympique andò a giocarsi il titolo a Bari perdendolo ai rigori.

2003/2004 – Da un punto di vista storico spicca un’altra coincidenza. Come nel 2003/2004 fra e quattro semifinaliste, tre non hanno mai vinto il titolo. E sono tutte guidati da allenatori mai riusciti a vincere la Champions. In quella stagione si affermerà il Porto, unica squadra che aveva già conosciuto l’ebbrezza di salire sul tetto d’Europa, torna in cima al continente guidata da un giovanissimo Josè Mourinho che si gioca la semifinale contro Irrueta, alla guida del Deportivo la Coruna. Dall’altra parte si danno battaglia il Chelsea di Ranieri e il Monaco di Didier Deschamps che si presenta in finale. Si gioca in Germania, a Gelsenkirchen e lo Special One alzerà la Champions dopo aver superato 3-0 i monegaschi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy