Macek: “Haaland ha una cultura del lavoro invidiabile, è chiaramente concentrato sul calcio”

Un fisico alla Ibrahimovic, una cultura del lavoro alla Cristiano Ronaldo e idee chiarissime su come diventare il numero uno. L’allenatore dell’Under 18 slovacca ha passato una settimana con Haaland e gli è bastata per capirne personalità e ambizioni.

di Redazione Il Posticipo

Haaland, un fisico alla Ibrahimovic, una cultura del lavoro alla Cristiano Ronaldo e idee chiarissime su come diventare il numero uno. Stanislav Macek è l’allenatore slovacco dell’U18 e ha incontrato il giovane attaccante ad agosto, quando ha trascorso una settimana a studiare i metodi dell’allenatore del team austriaco Jesse Marsch. E ha rivelato ad AS alcuni aneddoti che rivelano molto della personalità e delle ambizioni del ragazzo.

LAVORO –  Cio che l’ha impressionato è la cultura del lavoro. “Mentre era a Salisburgo, aveva una ragazza che veniva a trovarlo. L’ho rivisto da solo dopo pochi giorni. Mi ha detto che doveva concentrarsi solo sul calcio. Haaland è un ragazzo che lavorava come un professionista maturo. È chiaro che sia concentrato esclusivamente sul calcio, mi ha detto che per arrivare ad alti livelli non deve avere fretta ma allenarsi duramente.  E lui lo fa senza sosta. Ha un enorme rispetto per il lavoro. Fa 1000 addominali e 300 flessioni al giorno. L’ho visto giocare nella sfida fra Under 20 norvegese contro l’Under 21 slovacca. Ha attirato la mia attenzione. ”

PROSPETTIVE – Il tecnico ha pochi dubbi. “È un moderno Ibrahimovic. Direi anche meglio nei movimenti, ha più velocità. E ha una grande mentalità di fronte al gioco e alla professione. Non vuole accelerare le scadenze” Non a caso ha scelto il Dortmund. “Mi ha detto che non aveva  voglia di fare un simile passo e preferiva fare un altro. A quel tempo si parlava già della Bundesliga ed è andato al Borussia. Penso che abbia fatto un grande passo. È uno dei migliori in Germania. Gioca all’attacco, si circonda di giovani come Achraf, Sancho o Brandt, ha già giocato in Champions League. Certamente, se continua a progredire in questo modo, lo vedremo presto in una squadra ancora più grande in breve tempo”. Magari alla Casa Blanca. “I migliori al mondo hanno sempre giocato lì e Haaland è uno di questi. È un calciatore da Real Madrid, senza dubbio “.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy