Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ma quali fuoriserie? Zico guida ancora una macchina…che ha vinto 40 anni fa!

(Photo by Masashi Hara/Getty Images)

Il binomio tra calciatori e macchine di lusso sembra quasi inscindibile, ma ci sono anche stelle del pallone che a comprarsi una fuoriserie non ci tengono troppo. Eppure nessuno batte Zico. O Galinho, stella del Brasile degli anni Settanta e...

Redazione Il Posticipo

Il binomio tra calciatori e macchine di lusso sembra quasi inscindibile. Basterebbe pensare ai racconti di Aguero, che spiega di avere in garage una Lamborghini che non usa mai, o di Marquinhos, per cui l'acquisto di una Ferrari è stato il segnale che la sua carriera lo aveva portato in alto. Tantissime stelle del pallone hanno una collezione di auto costosissime a cui continuano ad aggiungere sempre nuovi esemplari. E poi ci sono quelli che invece non si pongono il problema. C'è Manè, a cui una Ferrari basta e avanza, o Kantè, che per anni si è presentato agli allenamenti con una Mini in condizioni non proprio ottimali, prima che il Chelsea decidesse che era ora di mandarla in pensione.

COPPAINTERCONTINENTALE - Ma nessuno batte Zico. O Galinho, stella del Brasile degli anni Settanta e Ottanta con un breve passato anche in Italia all'Udinese, ha rivelato a Autoesporte che guida ancora una macchina...che ha vinto nel 1981. Strano ma vero, perchè dopo una carriera incredibile e anche qualche esperienza da allenatore ci si immagina che Zico possa permettersi eccome una vettura più nuova. Ma è una questione di cuore, perchè quella Toyota Celica è il premio dello sponsor della Coppa Intercontinentale del 1981, che il Flamengo ha vinto battendo il Liverpool per 3-0. Il miglior giocatore della partita riceveva la vettura, ma per Zico non è stato così semplice: all'epoca era pressochè impossibile far entrare in Brasile auto provenienti dall'estero e quindi la Toyota è arrivata a Rio solo quando il brasiliano...era già all'Udinese.

 Photo by Dino Panato/Getty Images)

CELICA - "Per farla arrivare in Brasile ho dovuto chiedere aiuto a qualche persona importante, come l'allora Ministro delle Finanze, il presidente della Banca Centrale e il Presidente del Flamengo". Alla fine, però, la missione è stata compiuta e quarant'anni dopo averla vinta, Zico guida ancora felicemente la sua Celica: "Ho avuto tantissime offerte per venderla, ma non mi è mai passato per la testa di farlo. È un grande trofeo e un ricordo splendido della competizione più importante che il Flamengo avesse vinto fino a quel momento. La macchina è a casa e funziona ancora benissimo. E rimarrà lì finchè ci sono io!". Insomma, tutto alla grande tranne un piccolo difetto: "Non ha il servosterzo e il volante è pesante. Quindi quando non mi va di fare palestra, guido la Celica". Con tanti saluti alle Lamborghini e alle Ferrari.