Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ma quale piede debole! De Bruyne è letale anche col sinistro…grazie ai fiori di un vecchio vicino di casa

Ma quale piede debole! De Bruyne è letale anche col sinistro…grazie ai fiori di un vecchio vicino di casa - immagine 1

Quasi ogni calciatore ha un piede "debole", o almeno quello che non è il suo preferito. Ma non Kevin de Bruyne, in grado di essere letale con entrambi grazie a un allenamento speciale cominciato da bambino...per non distruggere i giardini altrui!

Francesco Cavallini

Quasi ogni calciatore ha un piede "debole", o almeno quello che non è il suo preferito. Ci sono calciatori mancini eccezionali, che però con il destro...a malapena riescono a salire sull'autobus. Così come molti destri svirgolano malamente in curva con frequenza quando devono calciare di sinistro. E poi ci sono le eccezioni, di cui fa certamente parte Kevin De Bruyne. Il talento belga classe 1991 ha deciso...da solo il match esterno del Manchester City contro i Wolverhampton Wanderers, segnando ben quattro delle cinque reti con cui la squadra di Guardiola ha ripreso la prima posizione solitaria in Premier League dopo il temporaneo aggancio del Liverpool. E tre marcature su quattro sono arrivate...con il suo piede debole.

I FIORI - Non che De Bruyne abbia problemi a calciare con il sinistro, quindi. Ma come ha fatto il belga a diventare praticamente ambidestro? Lo spiega una divertente storia che arriva dal suo paese, dalla penna del giornalista Kristof Terreur, che ha deciso di condividerla su Twitter proprio in occasione delle tre reti col mancino del centrocampista del City. Tutto comincia quando il belga è ancora un ragazzino, di quelli che non escono mai di casa senza il pallone. Peccato che già all'epoca il destro di De Bruyne sia devastante, nel vero senso della parola. E a farne le spese sono il giardino e i fiori di un amico del padre del futuro calciatore, costantemente distrutti durante gli allenamenti giornalieri del giovane Kevin.

DIVIETO - Ma siccome il talento è proprio come i fiori e quindi va coltivato, è impossibile impedire al ragazzino di giocare a calcio. Si può però optare per una situazione di compromesso, proposta proprio dal vicino: il piccolo De Bruyne può continuare tranquillamente, a patto di calciare sempre...col sinistro, in modo da essere meno distruttivo per la flora locale. Un qualcosa che negli anni ha decisamente pagato, considerando che ormai il centrocampista calcia alla stessa maniera con entrambi i piedi, il che crea parecchi grattacapi a chi deve marcarlo e ai portieri, che non sanno mai quando aspettarsi un tiro. Dunque, se il City è più vicino al titolo, lo deve anche...al giardino del vicino della famiglia De Bruyne. E chissà, magari per sdebitarsi lo sceicco potrà pagare una sostituzione completa dei fiori e dell'erba!