Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Lunin, meglio tardi…che mai: l’ucraino verso la prima presenza con il Real a 943 giorni dal suo acquisto!

(Photo by Gareth Copley/Getty Images)

Troppo forte...per giocare. Questa la assurda situazione di Andriy Lunin, portiere ucraino in forza al Real Madrid ormai da quasi tre anni. Uno dei migliori prospetti al mondo nel suo ruolo, uno che con la nazionale under-20 ha vinto il mondiale...

Redazione Il Posticipo

Troppo forte...per giocare. Questa la assurda situazione di Andriy Lunin, portiere ucraino in forza al Real Madrid. Uno dei migliori prospetti al mondo nel suo ruolo, uno che con la nazionale under-20 ha vinto il mondiale nel 2019, ottenendo anche il premio come miglior estremo difensore della competizione. Eppure per lui alla Casa Blanca c'è stata solo una lunga e faticosa attesa, che dura da quasi tre anni. Era il 22 giugno 2018 quando i Blancos hanno versato nelle casse dello Zorya Lugansk 8,5 milioni di euro più 4 di bonus per il suo cartellino: Lunin si è legato al club spagnolo fino al 2023 con opzione di prolungamento per una sesta stagione.

PRESTITI - Il portiere preso per fare il secondo però, visti i movimenti di mercato del club madridista, si è ritrovato davanti Thibaut Courtois e Keylor Navas e a fine agosto dello stesso anno è stato ceduto in prestito per un anno al Leganes...peccato che ben poco sia cambiato! Lunin non ha trovato spazio nemmeno nel piccolo club della comunità autonoma di Madrid: anziché fare il primo portiere alla fine si è ritrovato alle spalle del 35enne Ivan Cuellar nelle gerarchie e non ha sfondato quota cinque presenze totali nella Liga. Peggio ancora gli è andata nella stagione successiva al Valladolid: 0 presenze in campionato e appena due in Copa del Rey, fine prestito anticipata e altri sei mesi all'Oviedo, dove almeno ha giocato.

943 GIORNI - In questa stagione, come spiega Marca, il club ha deciso di non prestarlo, promuovendolo a secondo ufficiale di Courtois. Peccato però che il belga finora non abbia saltato neanche un minuto. Una situazione destinata (forse) a cambiare nel prossimo match dei Blancos, quello di Copa del Rey contro il non irresistibile Alcoyano. In quello che che in Spagna hanno già definito "il giorno dei dimenticati), Zidane potrebbe dare minuti a Lunin e a tutti gli altri calciatori che, per un motivo o per l'altro, sono stati schierati poco o niente dal francese. E quindi il portiere ucraino, che ormai va per i 22 anni, potrebbe finalmente fare la sua prima agognata presenza con la camiseta blanca, ad appena...943 giorni dal suo acquisto. Verrebbe da dire, meglio tardi che mai!