Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

L’ultimo regalo di Reyes all’Arsenal: Ceballos spiega che è un Gunner grazie a suo padre

Chi deve ringraziare l'Arsenal per essersi assicurato Dani Ceballos? In buona parte l’indimenticato Josè Antonio Reyes e suo padre, che ha parlato con il ragazzo e lo ha convinto a scegliere l’Emirates.

Redazione Il Posticipo

Ci sono tanti motivi per cui un giocatore può scegliere una nuova squadra. In genere si parla solo di soldi ma i calciatori, difficilmente si muovono solo per qulli. Bene o male, tutti i calciatori vengono pagati. Quello che conta, in genere è il prestigio di una squadra, le sue ambizioni. L'Arsenal ha tutto questo, ma nessuno di questi elementi è stato fondamentale per convincere Dani Ceballos a scegliere di trasferirsi all'Emirates più di... una chiacchierata con il papà di Reyes. E proprio il genitore del calciatore recentemente scomparso è servito a dare certezze allo spagnolo: la scelta è quella giusta.

CONCITTADINI - Una spiegazione, il giovane spagnolo arrivato dal Real Madrid, l'ha rilasciata sul sito della società. "Questo è un club storico al quale ho sempre guardato con interesse per via di Josè Antonio Reyes, che veniva dalla mia stessa città e ha giocato qui. Ha fatto la storia qui vincendo il titolo nazionale quindi questo per me è un importantissimo step di carriera". Non è solo questo il motivo. Vero è che Reyes è stato un idolo d'infanzia di Ceballos e che ha fatto la storia dell'Arsenal facendo parte degli Invincibles di Arsène Wenger ma... non è tutto qui.

IDOLO - "Ho parlato con il padre di Reyes appena prima di venire qui e mi ha detto di non pensarci due volte perché è un club meraviglioso. Josè è stato benissimo qui. Quando sono arrivato al campo di allenamento ho visto una sua foto e mi ha colpito tantissimo. È il mio idolo d'infanzia". Insomma, come se non bastasse l'essere concittadini e una grossa stima del club, l'elemento in più della trattativa è stato il signor Reyes. E l'Arsenal ringrazia lui e suo figlio. Che se ne è andato troppo presto, ma ha fatto ai Gunners un ultimo regalo...