Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

L’ultima folle proposta per il futuro del calcio: intervalli di 25 minuti…causa pubblicità

(Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Se dovesse passare la proposta della Conmebol all'IFAB, meglio cominciare ad abituarsi a un intervallo più lungo. La federazione sudamericana infatti ha chiesto che la pausa tra un tempo e l'altro diventi di 25 minuti invece dei soliti 15.

Redazione Il Posticipo

Nonostante abbia ormai oltre 150 anni, il calcio non è che sia poi cambiato così tanto, almeno nella sua struttura di base. Per rimanere al passo coi tempi, però, di tanto in tanto vengono aggiunte novità che si rivelano momentanee (come il golden o il silver goal) o che entrano a far parte integrante del gioco più seguito del mondo, come il VAR o la goal line technology. Tutte innovazioni che, piacciano o no, sono comunque legate a quanto succede in campo. E se invece l'ultima proposta con la parte sportiva della questione non c'entrasse praticamente nulla? Da quanto riporta il Daily Mail, la prossima grande rivoluzione del calcio come lo conosciamo potrebbe avvenire per motivi strettamente...pubblicitari.

PUBBLICITÁ - E se dovesse passare la proposta della Conmebol all'IFAB, meglio cominciare ad abituarsi a un intervallo molto più lungo del solito. La federazione sudamericana infatti ha chiesto che la pausa tra un tempo e l'altro durante le partite diventi di 25 minuti invece dei canonici 15. Preoccupazione per gli atleti che giocano troppo e che quindi potrebbero beneficiare di un periodo di riposo più lungo prima di scendere in campo per la seconda metà del match? Macchè, una questione puramente pubblicitaria. L'idea è infatti legata agli introiti pubblicitari, che aumenterebbero all'aumentare della durata dell'intervallo. Una strizzata d'occhio allo stile...Super Bowl, visto che gli spot trasmessi durante la pausa della finale del campionato NFL sono pagati a peso d'oro.

CONSIGLIO FIFA - Ad avere l'ultima parola però sarà proprio l'IFAB, che si occupa della definizione delle regole del calcio e che si riunirà giovedì per decidere la questione. Come ha spiegato il tabloid, in qualche torneo minore la novità è già in fase di sperimentazione, ma le possibilità che la proposta passi il vaglio del consiglio sono molto poche. Il problema principale è il timore che una inattività più lunga possa portare a maggior rischio di infortuni. E poi, a ben vedere, persino negli Stati Uniti l'intervallo del Super Bowl è esattamente di 15 minuti, così come quelli della NBA e dell'NHL. E poi è improbabile che un allungamento a 25 minuti possa ottenere il favore degli spettatori, sia allo stadio che a casa davanti al televisore o al cellulare: di solito, non si vede l'ora che la partita ricominci e dieci minuti in più possono essere...un'eternità.