Lazio, la colonna Lucas e il pericolo di…Leivarla

Lucas Leiva è diffidato, e per la Lazio dopo la gara contro il Crotone arriva la trasferta contro l’Inter. Non farlo giocare contro i calabresi, però, potrebbe dare alla squadra un messaggio sbagliato.

di Mattia Deidda

In casa contro il Crotone la Lazio non può mancare all’appuntamento con la vittoria. Nonostante gli uomini di  Inzaghi continuino a giocare un buon calcio e regalare ottime prestazioni, le ultime cinque gare di campionato hanno segnato un’evidente battuta di arresto da parte dei biancocelesti: due sconfitte, due pareggi ed una vittoria. Inutile perdere tempo analizzando le polemiche per la partita contro il Torino, così come parlare dei primi venti minuti di gioco contro l’Atalanta, in cui la squadra ha concesso due gol in tre minuti, riuscendo poi però a recuperare il risultato. Il passato deve servire da lezione, ma la partita più importante è sempre la prossima. Su questa filosofia si basano i dubbi di Inzaghi: Lucas Leiva, non al meglio della condizione fisica per un problema accusato contro l’Atalanta, è diffidato, e dopo la gara contro il Crotone arriva la trasferta contro l’Inter. Recuperarlo e schierarlo titolare o lasciarlo riposare per la sfida di Milano?

Lucas Leiva, colonna portante

Il brasiliano si è caricato la squadra sulle spalle ancora prima di iniziare la stagione. Sono bastati 90 minuti di gioco contro la Juventus nella finale della Supercoppa per far innamorare i tifosi di lui. Con l’ex Liverpool in campo, la squadra acquista fiducia e tranquillità. In Europa League, nelle ultime due gare giocate senza Leiva, la Lazio non ha brillato. Contro il Vitesse 1-1 (Leiva non convocato), contro lo Zulte Waregem sconfitta per 3-2, con il brasiliano entrato a partita in corso e autore di un gol e un assist. Non si parla di un calciatore in grado di vincere le gare da solo, ma rimane comunque una categoria sopra la media, specie per quanto riguarda il salto di mentalità che riesce a regalare alla squadra. Farlo sedere in panchina anche se disponibile, per paura che venga ammonito contro il Crotone, è una mossa in ottica futura che può regalare problemi nel presente, con l’intera squadra che inconsciamente potrebbe sottovalutare l’impegno.

Con l’Inter non si può sbagliare

Rimane però il fatto che la gara contro l’Inter, per quanto assegni 3 punti, ha un valore infinitamente maggiore rispetto a quella con il Crotone. Ipoteticamente, se la Roma dovesse vincere il recupero contro la Sampdoria, i nerazzurri si troverebbero quarti in classifica, a +4 o +7 dalla Lazio (con i biancocelesti che devono recuperare la gara contro l’Udinese). L’Inter sarebbe quindi la prima squadra su cui la Lazio deve basare la corsa verso il quarto posto, ed uscire sconfitti da San Siro complicherebbe notevolmente il raggiungimento dell’obiettivo. Anche volendo risparmiare Leiva, poi, rimane il rebus su chi in rosa può sostituirlo. Miceli, calciatore della Primavera che ha preso il suo posto contro lo Zulte, non può reggere il peso del reparto in una partita di Serie A. L’unica soluzione è schierare Milinkovic-Savic davanti la difesa ed inserire Felipe Anderson a centrocampo, anche se così facendo la Lazio allontanerebbe dall’area di rigore i due talenti più grandi della squadra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy