Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Löw, il rimpianto dei figli mai avuti e…i pranzi con la Cancelliera Merkel tra patatine e fettine panate

DUESSELDORF, GERMANY - MARCH 23: Head coach of the German national team Joachim Loew looks on during a training session at Esprit-Arena on March 23, 2021 in Duesseldorf, Germany. (Photo by Lukas Schulze/Getty Images)

Löw decide di raccontarsi in un'intervista sotto il punto di vista di cui si è sempre parlato poco: quello personale. Se stesso, la famiglia e... i pasti con Angela Merkel.

Redazione Il Posticipo

Sarà l'ultimo europeo per Joachim Löw. È dal 2004 che l'allenatore nato a Schönau am Schwarzwald dedica la propria professionalità alla Mannschaft, dapprima come vice allenatore di Jürgen Klinsmann e poi dal 2006 ad oggi, segnando un'epoca. Il sessantunenne, alla fine dell'Europeo, lascerà la nazionale nelle sapienti mani di Hansi Flick, reduce da due ottime stagioni in cui si è portato a casa due campionati e una Champions League con il Bayern. Löw decide di raccontarsi in un'intervista sotto il punto di vista di cui si è sempre parlato poco: quello personale. Se stesso, la famiglia e... i pasti con Angela Merkel.

IL LATO UMANO - L'allenatore della Mannschaft ha rilasciato un'intervista piuttosto personale a Zeit. È molto ma molto raro che Löw parli di sé ma, forse, alla fine di un ciclo è uscito fuori il suo lato più emotivo, forse, anche innescato dalla malinconia dell'addio imminente alla nazionale. “Negli ultimi dieci anni ho pensato a come sarebbe stato avere figli. Dopotutto, ho alcuni bambini adottivi e loro sono spesso con noi. Certo, ci sono momenti in cui mi manca molto avere figli miei. Sono cresciuto in una famiglia numerosa e ho quattro fratelli. Mia madre ha otto fratelli. Ho dozzine di cugini. E tutti loro hanno molti figli. La nostra casa era sempre piena".

 FRANKFURT AM MAIN, GERMANY - NOVEMBER 19: (EDITORS NOTE: Image has been digitally enhanced.) Head coach Joachim Loew of Germany is smiling prior to the UEFA Euro 2020 Qualifier between Germany and Northern Ireland at Commerzbank Arena on November 19, 2019 in Frankfurt am Main, Germany. (Photo by Simon Hofmann/Bongarts/Getty Images)

POLITICA E RAPPORTI - Il tecnico ha toccato anche un delicato tema come l'omosessualità nel calcio prendendo ad esempio l'unico professionista tedesco che abbia fatto coming out. "Hitzlsperger ha avuto il coraggio fare questo passo quando la sua carriera era finita. Nella società, l'apertura è fondamentalmente presente. Ma nel calcio manca ancora qualcosa". Poi il suo rapporto con Angela Merkel: "Ho un grande rispetto per Angela Merkel. Penso che sia molto umana, può entrare in empatia con le persone e può spiegare semplicemente problemi difficili e complessi. Lo trovo affascinante di per sé". Löw conclude raccontando che negli incontri con la Cancelliera ha spesso mangiato fettine panate e patatine fritte con lei. Specificando, tra l'altro, che lo chef viene dal sud del Baden, e pare sia uno specialista delle patate fritte. Non esattamente il tipo di dichiarazioni che ci si aspetta dal CT della Germania.