London calling: affondo del Chelsea su Thiago Silva

London calling: affondo del Chelsea su Thiago Silva

La finale di Champions sarà l’ultima sfida del brasiliano con la maglia del PSG

di Redazione Il Posticipo

London Calling. Il Chelsea, secondo il Sun è a caccia di un difensore esperto, affidabile, con grande esperienza internazionale e che non costi troppo. Identikit che porta diritti al profilo di Thiago Silva. E i blues hanno le carte in tavola per sparigliare il banco e vincere la concorrenza di Milan e Fiorentina.

MISSIONE – La situazione è nota. Il brasiliano è in scadenza di contratto con il Paris Saint Germain e non rinnoverà. Ha giocato la Final Eight nonostante potesse svincolarsi il 30 giugno  per senso di responsabilità e attaccamento alla maglia. E anche perché doveva completare la sua missione. Portare il PSG in finale di Champions dopo averlo accompagnato nella fase di crescita. Certo, chiudere sollevando al cielo di Lisbona il trofeo avrebbe tutto un altro sapore ma l’esperienza è da considerarsi conclusa.

CHAMPIONS – La Premier League è un campionato che affascina parecchio Thiago che potrebbe proseguire il suo… compito oltremanica. Il Chelsea è in Champions. Né la Fiorentina, né  il Milan, fra le più accreditate in Italia, del resto, possono garantirli sì e subito la partecipazione all’Europa che conta in questa stagione. E non ci sono garanzie tecniche, allo status quo, neanche per quella successiva.

ESPERIENZA – Il Chelsea non è solito andare sugli ultratrentenni, ma il mercato dei bues ha assunto dei contorni molto particolari. Il club, se vuole arrivare ad obiettivi come Havertz, deve per forza di cose cercare di razionalizzare le risorse per puntellare la rosa. Ecco spiegato l’arrivo di Willian dall’Arsenal. Thiago Silva, altro acquisto a zero, fra l’altro andrebbe anche a dotare Lampard di un leader in grado di guidare i compagni. Il Chelsea è squadra talentuosa ma molto giovane e ha bisogno di un po’ di… saggezza in campo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy