Loco Y mas Loco: allenatore e ammiratore

C’è chi percorre centinaia di chilometri per seguire la squadra. E chi attraversa i continenti per stringere la mano al proprio allenatore preferito…

di Redazione Il Posticipo

Centinaia di migliaia di chilometri non cancellano la passione per il calcio e per i propri idoli. In questo senso, cosa pensare di chi parte dal Sudamerica per vedere la partita del Leeds solo perché la squadra in questione è allenata da Bielsa? Un pazzo. Appunto. La storia ha dell’incredibile.

LOCO – Bielsa sarà anche Loco ma c’è anche chi è più pazzo di lui. In tutti i sensi: sugli spalti del Pride Park ieri c’era un tifoso con indosso la maglia del Newell’s Old Boys che gli ha stretto la mano. E sin qui, niente di strano. Ciò che stupisce è come il giovane sia arrivato sin li. Sul proprio profilo twitter, dopo aver pubblicato la foto in cui stringe la mano al tecnico, si identifica: Scott White. Il ragazzo è sudamericano e ha attraversato l’oceano pur di vedere all’opera il suo allenatore preferito dal vivo. I due, secondo lo yorkshire evening post, si sarebbero anche incontrati in un ristorante prima della partita.

 

 

 

INIZIO – Al netto delle “follie” era impossibile iniziare meglio. Le prime due partite con il Leeds sono state perfette. Vittoria in casa contro lo Stoke City e altri tre punti in casa del Derby County. In vetta alla classifica con sei punti. Due vittorie, due gol subiti e sette gol realizzati- Un successo che nasce anche con il contributo di tutte le scaramanzie del caso: caffè in panchina durante la gara, porta bibite usato come sgabello, mai nessuna esultanza dopo i gol fatti. Insomma il solito Bielsa. E a Leeds sono pazzi di lui.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy