Lo United…va dallo psicologo: i suoi perdono con le piccole e Solskjaer chiede aiuto a un professionista

Lo United…va dallo psicologo: i suoi perdono con le piccole e Solskjaer chiede aiuto a un professionista

Grande con le grandi, piccolo con le piccole. Il Manchester United in questa stagione sembra davvero essere degno erede del Dottor Jekyll e Mister Hyde. E quindi Solskjaer ha deciso di chiedere aiuto al riguardo, spedendo emissari della società alla ricerca dei migliori psicologi dello sport.

di Redazione Il Posticipo

Grande con le grandi, piccolo con le piccole. Il Manchester United in questa stagione sembra davvero essere degno erede del Dottor Jekyll e Mister Hyde. Quando si tratta di affrontare avversari blasonati, la squadra di Solskjaer dà il meglio di sè e anche quando viene sconfitta (come nel caso recente del match contro il Liverpool schiacciasassi di Klopp) non dimostra di essere poi tanto inferiore a chi occupa posizioni più in alto in classifica. Il problema, casomai, arriva contro avversari in teoria alla portata dei Red Devils. In quel caso, arrivano pessimi risultati e persino figuracce. E quindi Solskjaer ha deciso di chiedere aiuto al riguardo.

GRANDI E PICCOLE – Come spiega il Sun, il tecnico ha chiesto il supporto di uno psicologo per sbloccare i suoi e superare quella “sindrome delle piccole” che tanto affligge il Manchester United. Cinque delle sette sconfitte in Premier League sono infatti arrivate contro squadre che si trovano nella seconda parte della classifica: Watford, Bournemouth, West Ham, Newcastle e Crystal Palace. Se si aggiunge il pareggio con l’Aston Villa, altra squadra ai margini della zona retrocessione, è evidente come Solskjaer e i suoi abbiano problemi al riguardo. Soprattutto considerando che, guardando l’altro lato della graduatoria, hanno battuto il Chelsea, il Leicester, il City all’Etihad e finora sono gli unici ad aver tolto punti al Liverpool in campionato con il pareggio all’andata, rischiando anche di vincere il match.

PSICOLOGO – Dunque, meglio affidarsi a un professionista. Il norvegese, riporta il tabloid, ha spedito emissari della società alla ricerca dei migliori psicologi dello sport, in modo da contrastare la tendenza ad affrontare le piccole con un atteggiamento non produttivo. Nel frattempo, i calciatori dello United verranno messi alla prova a breve. A Old Trafford arriva il Burnley, guidato da Sean Dyche, un vero esperto quando si tratta di mettere in difficoltà le grandi. Lo scorso anno di questi tempi i Red Devils hanno dovuto sudare sette camicie per recuperare una partita casalinga che sembrava persa e solo le reti a tempo ormai scaduto di Lindelof e Pogba hanno permesso a Solskjaer di evitare la figuraccia. Un’altra partita del genere e lo psicologo diventerà assolutamente necessario. Sia per i calciatori…che per i tifosi!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy