Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Liverpool-Real, l’attesa è polemica: si riparla di quando negli spogliatoi di Kiev…festeggiavano gli arbitri

Liverpool-Real, l’attesa è polemica: si riparla di quando negli spogliatoi di Kiev…festeggiavano gli arbitri - immagine 1

Nel Regno Unito la finalissima di Champions è preparata anche con ricordi di Kiev tirati fuori...in maniera chirurgica. Come quelli del vice di Klopp, che qualche anno fa spiegava di aver sentito festeggiare...gli arbitri del match perso dai Reds

Redazione Il Posticipo

Quella tra Liverpool e Real Madrid non può essere una partita come le altre. In primis perchè si parla pur sempre di una finale di Champions League, il match che può valere la gloria eterna o una delusione pazzesca. E poi perchè c'è un precedente molto pesante tra le due squadre. In realtà sarebbero due, considerando che già nel 1981 la finale se la sono giocata i Blancos e i Reds, con la vittoria della squadra di Bob Paisley. Ma ovviamente quello più fresco è quello di Kiev nel 2018, la partita passata alla storia sia per il tackle di Sergio Ramos che ha messo fuori gioco Salah che per le papere di Karius che hanno praticamente consegnato il trofeo a CR7 e soci.

KIEV - Normale dunque che ci sia una certa voglia di rivincita da parte dei Reds, in particolare di Salah, che si è detto contento di affrontare di nuovo il Real in finale. E nel Regno Unito la finalissima è preparata anche con ricordi di Kiev tirati fuori...in maniera chirurgica. Tocca infatti a Sportbible tirare fuori un'intervista a TheAthletic rilasciata nell'agosto 2019 da Peter Krawietz, il vice di Klopp. E nonostante all'epoca i Reds fossero reduci dalla finale vinta contro il Tottenham, è il ricordo della serata dell'anno precedente quello che è più vivo per Krawietz. Ma anche il più...polemico in vista della rivincita: "A Kiev lo spogliatoio sembrava un ospedale da campo. Immaginate di entrare e trovare un giocatore che è andato in ospedale ed è tornato, che sta piangendo dal dolore". E ogni riferimento alla spalla di Salah non è per nulla casuale.

GLI ARBITRI - Ma il problema non è esattamente quello... "E poi senti che gli avversari stanno festeggiando e che nello spogliatoio accanto anche gli arbitri stanno festeggiando. Non ho idea del perchè, ma cantavano e facevano festa con una cassa di birra". E per quanto possa sembrare ovvio che i fischietti stessero celebrando l'aver diretto una finale di Champions League, Krawietz sembra lanciare il sospetto che fossero felici per la vittoria del Real. Un qualcosa che comunque è servito al Liverpool, che un anno dopo si è ripresentato all'ultimo atto e ha vinto la coppa e che ora spera di poterlo fare di nuovo contro l'avversario del 2018. "Ci hanno fatto male, ma non ci hanno mandato al tappeto", spiegava il vice di Klopp quasi tre anni fa. E ora...comincia il secondo round.