Liverpool, problemi in paradiso: Manè furioso con Salah e Klopp lo difende

Liverpool, problemi in paradiso: Manè furioso con Salah e Klopp lo difende

Tutto va che è una meraviglia dalle parti di Anfield, dove si aspettano che il gruppo, anzi…la famiglia di Klopp continui a viaggiare compatta verso la gloria. Ma anche nelle migliori famiglie, si sa, ogni tanto si litiga.

di Redazione Il Posticipo

L’inizio di stagione del Liverpool finora è di quelli da ricordare. La squadra di Klopp, alla ricerca di una affermazione in Premier League che manca ormai da trent’anni, ha cominciato decisamente con il piede giusto e in quattro partite non ha fatto prigionieri. Altrettante vittorie, con dodici gol fatti e tre subiti, ma soprattutto con due punti di vantaggio sui campioni in carica del City. Tutto va che è una meraviglia dalle parti di Anfield, dove si aspettano che il gruppo, anzi…la famiglia di Klopp continui a viaggiare compatta verso la gloria. Ma anche nelle migliori famiglie, si sa, ogni tanto si litiga.

FURIA – E stavolta, come riporta il Sun, a guardarsi in cagnesco sono forse i calciatori che meno ci si aspetta. Ad arrabbiarsi è, strano ma vero, il solitamente pacato Sadio Manè. E a prendersi la furia del compagno di squadra è Momo Salah. Ma cosa è successo? Il senegalese è stato sostituito a risultato ampiamente acquisito e dopo aver segnato la rete dello 0-2, ma uscendo ha cominciato ad inveire nei confronti dell’egiziano. Reo, secondo l’attaccante, di non avergli passato il pallone nonostante fosse meglio posizionato, togliendogli di fatto la possibilità di mettere a referto una doppietta. Manè, davvero furioso, è stato calmato da Firmino e Milner, ma il suo morale non è migliorato neanche dopo il fischio finale.

KLOPP – E nelle interviste post-partita è toccato a Klopp spiegare cosa è accaduto in campo. Il tedesco ha raccontato senza peli sulla lingua la rabbia di Manè, giustificando il suo calciatore a più riprese. “C’è stata una situazione in partita che non lo ha reso felice. Che fosse arrabbiato è ovvio, non può nascondere le sue emozioni. Lo farebbe di nuovo? Probabilmente no. Ma è tutto a posto e noi ci vogliamo tutti bene”. Un tentativo abbastanza evidente di gettare acqua sul fuoco. “Sadio è un ragazzo che si fa prendere dalle emozioni. Qualcosa lo ha fatto arrabbiare. E no, non è stata la sostituzione”. E quando qualcuno gli ha chiesto se è stato il mancato passaggio di Salah, il tedesco è stato laconico. “Sì”. Ma per sua fortuna, ora c’è una pausa per dimenticare questa storia…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy