Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Liverpool, Kelleher perfetto tranne che…per la maglia: sulla schiena gli mettono il cognome sbagliato!

(Photo by Jon Super - Pool/Getty Images)

Caoimhin Kelleher, ventiduenne cresciuto nelle giovanili del Liverpool, non sta facendo rimpiangere Alisson, fermo per un problema fisico. Per il giovane estremo difensore due partite e altrettanti clean sheet. Insomma, il ragazzo si sta facendo...

Redazione Il Posticipo

Qualsiasi squadra al mondo soffrirebbe senza un portiere come Alisson. Del resto il brasiliano si è aggiudicato il primo premio Yashin e con le sue prestazioni ha seriamente rischiato di vincere anche il Pallone d'Oro, dunque il suo valore è in discussione. E la sua assenza si sente. A meno che non succeda l'imponderabile: dopo aver accantonato Adrian, Klopp si gode le prestazioni dell'irlandese Caoimhin Kelleher, ventiduenne cresciuto nelle giovanili del club, che non sta facendo rimpiangere il verdeoro, fermo per un problema all'anca. Per il giovane estremo difensore due partite, altrettanti clean sheet e parate difficili e spettacolari.

REFUSO - Insomma, il ragazzo si sta facendo un nome, peccato che non tutti...se lo ricordino molto bene. E quindi nel match vinto dal Liverpool contro il Wolverhampton, per i Reds in porta c'è...Kellher, con una E di meno. Non una novità, considerando che una ventina di anni fa al Manchester United sono riusciti a scrivere male addirittura il cognome di David Beckham, dimenticandosi la "h", ma comunque un qualcosa che hanno notato in molti in giro per la rete. Non ultimo Gary Lineker, che su Twitter chiosa divertito: "Tante cose positive per il Liverpool, compresa la prestazione del loro portiere. Magari come premio potrebbero imparare a scrivere correttamente Kelleher".

CLEAN SHEET - In ogni caso, la questione non ha creato troppi problemi all'irlandese, se non la necessità di cambiarsi la maglia a fine primo tempo per scendere in campo nella ripresa con il suo vero cognome sulla schiena. Il match è stato abbastanza a senso unico, ma comunque Kelleher ci ha messo del suo, con una bella parata su Podence che ha permesso al Liverpool di mantenere la porta inviolata, così come già accaduto nel debutto in Champions League dell'estremo difensore contro l'Ajax. Alisson dunque può stare tranquillo e recuperare con calma: Klopp ha un sostituto all'altezza. E poi, i due hanno un'altra cosa in comune: anche l'ex romanista vede spesso storpiato il suo cognome. Ma sulla maglia, non gli è ancora mai successo...