Liverani: “C’è dispiacere ma obiettivamente il Milan meritava il pari”

Il Parma strappa un pareggio incredibile in casa dei rossoneri.

di Redazione Il Posticipo

Il Parma strappa un pareggio incredibile in casa del Milan. Pali e traverse fermano la squadra di Pioli ma anche il tecnico degli emiliani rivive un personalissimo incubo. Come contro l’Inter, si era trovato in vantaggio per 2-0 e anche contro il Milan il doppio vantaggio a San Siro non è stato sufficiente per portare a casa i tre punti. Liverani, fra l’altro, è quasi “abbonato” a questo risultato centrato anche ai tempi del Lecce rovinando proprio l’esordio di Pioli in un Milan – Lecce della scorsa stagione.  Difficile parlare però di sfortuna. Il Parma, comunque, ha giocato come doveva e poteva, cercando di difendersi con ordine e sfruttando ripartenze ed episodi. Il tecnico analizza la sfida ai microfoni di Sky Sport.

VECCHIO – La sensazione è che il Parma di Liverani giochi come quello di D’Aversa. Ordinato dietro e ripartenze. La certezza è che comunque con i ranghi al completo sia molto più competitiva. “Sapevamo che potevamo creare problemi, anche se per trovare i giusti automatismi occorre tempo. L’analisi è ampia. Chiaramente giocare con Karamoh e Gervinho impone chiaramente un certo tipo di gioco. Siamo partiti bene e abbiamo trovato il gol del vantaggio poi il Milan ha spinto moltissimo e obiettivamente meritava il pareggio. Credo sia altrettanto vero che abbiamo trovato il 2-0 su una buona ripartenza. Il dispiacere è avere preso subito il 2-1 e poi non aver rischiato nulla. Siamo stati ordinati e non abbiamo concesso nulla. Prendiamo gol a difesa schierata e superiorità numerica concedendo due conclusioni. Non posso parlare però di beffa, c’è solo il rammarico per una vittoria mancata”.

FUTURO – Recuperando gli uomini è più facile puntare alla salvezza. “Il Milan è imbattuto da Marzo e la sua forza è fuori discussione. Il nostro obiettivo è e resta quello di mantenere la categoria con serenità. Spiace per come si sono messe le cose. Se il pareggio fosse arrivato prima avremmo avuto qualcosa in meno da recriminare, ma va bene anche così. Queste sono partite che servono per fare esperienza e aggiungendo i “vecchi” ai ragazzi che stanno crescendo spero di trovare il prima possibile l’amalgama necessario per centrare il risultato che ci siamo prefissati”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy