Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Liveblog Roma-Lazio: “Muriqi? Speravo de morì prima”. “Miki l’armeno che va come un treno” e “Pedro pedro”

ROME, ITALY - NOVEMBER 19:  (L-R) SS Lazio head coach Simone Inzaghi and AS Roma head coach Paulo Fonseca attend the Italian Football Federation ( FIGC) and Italian Association Referees (AIA) press conference at 'Hotel dei Principi' on November 19, 2019 in Rome, Italy.  (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Roma - Lazio, anche se le ambizioni sono ridotte, ha sempre un valore altissimo.

Redazione Il Posticipo

Roma - Lazio, anche se le ambizioni sono ridotte, ha sempre un valore altissimo. Perché nella Capitale vincere contro la rivale significa sempre moltissimo. Questione morale, prima che sportiva. A Roma funziona così. Per molti tifosi vincere il derby vale una stagione. E comunque non è una sfida di scarsa importanza. La Roma deve vincere per evitare di perdere il treno Conference. Simone Inzaghi non vuole perderlo per conservare l'imbattibilità contro il collega portoghese, in attesa... di incrociarne un altro. E anche i tifosi, ovviamente non sono da meno. L'attesa è sempre febbrile.

Le scelte dei tecnici spostano immediatamente l'attenzione. L'ingresso di Muriqi, non esattamente ai primi posti nell'indice di gradimento dei tifosi laziali, preoccupa un po' i supporter biancocelesti. Ed è anche l'ultimo derby di Lulic che ha regalato la Coppa Italia nel derby del 2013

Primi minuti non indimenticabili. I tifosi dunque si concentrano su analisi più o meno ironiche su un match che non decolla...

La prima grande occasione è per la Lazio, complice una disattenzione di Ibanez, che già all'andata aveva vissuto un derby complicato.

La sfida del difensore però finisce causa... forza maggiore. Un infortunio che scatena i tifosi romanisti ormai abituati a vedere i propri calciatori alle prese con problemi muscolari.

a due minuti dal termine arriva la rete di Mkhitaryan che sblocca il risultato. E gli animi divengono immediatamente opposti.

Nella ripresa Fonseca lascia negli spogliatoi Bruno Peres, perché ammonito. Al suo posto Santon, che rimedia immediatamente un giallo. L'ironia si spreca.

La Lazio non riesca a cambiare marcia. Inzaghi decide di sostituire Marusic che non la prende benissimo. Resta da capire se sia arrabbiato con il tecnico per il cambio o sé stesso.

Il cambio non produce effetti sperati. Anzi. Arriva il gol del raddoppio di Pedro. Romanisti scatenati.

Finisce 2-0,  vince la Roma e i tifosi della Lazio hanno ovviamente più di qualche rimpianto. Da parte romanista parte invece il classico sfottò che è sempre stato il sale di questa partita.