Lione, il presidente ha paura di Messi? Macché… Per Aulas l’unico extraterrestre è CR7!

Lione, il presidente ha paura di Messi? Macché… Per Aulas l’unico extraterrestre è CR7!

I francesi accendono la sfida col Barcellona valida per l’andata degli ottavi di finale di Champions League: a tenere banco alla vigilia sono le dichiarazioni piuttosto pepate del numero uno del club transalpino. Come la prenderà la Pulce?

di Redazione Il Posticipo

C’è chi sceglie l’argentino per la tecnica e chi invece preferisce il portoghese tutto colpi secchi e prestanza fisica. Il tempo passa, il Pallone d’Oro è finito in altre mani per la prima volta dopo una decina di anni (Luka Modric ne sa qualcosa), ma la domanda resta sempre la stessa: Lionel Messi o Cristiano Ronaldo? Ci ha tenuto anche Jean-Michel Aulas a dire la sua, il presidentissimo del Lione che se la vedrà col Barcellona nell’andata degli ottavi di Champions… e che eviterebbe volentieri la Juventus del portoghese qualora la sua squadra riuscisse ad andare avanti nel torneo.

SOGNO CHAMPIONS – Nonostante la sua squadra sia data per spacciata in partenza, Aulas non si lascia affatto spaventare dagli sfavori del pronostico come spiegato a Le Figaro: “Non voglio arrendermi prima di vincere la Champions League!”. Il presidente del Lione compirà settant’anni a marzo, ma sogna di restare in sella fino a quota 75: il tempo necessario per provare ad alzare almeno una volta nella sua vita la Coppa dalle grandi orecchie. Uno sfizio che la squadra femminile del club francese invece è riuscita a togliersi in ben cinque occasioni. Sulla strada del Lione di Bruno Genesio agli ottavi c’è subito il Barcellona di Leo Messi, fuori lo scorso anni ai quarti con la Roma.

CR7 E FLORENTINO – Alla vigilia della sfida in programma al Parc Olympique Lyonnais, il numero uno del club francese mette benzina sul fuoco: “Messi non è mai stato ispirato quando ha giocato contro di noi”. Secondo Aulas l’avversario più impressionante che la sua squadra abbia mai affrontato è proprio l’antagonista della Pulce, Cristiano Ronaldo, l’ex fuoriclasse del Real passato alla Juve col sogno di riportare la Champions a Torino. Aulas pensa che la maledizione europea di Messi possa continuare contro il Lione, strizza gli occhi a CR7 ed elogia Florentino Perez, il presidente del Real, per la “sua schiettezza, educazione ed eleganza”. Il numero uno del club francese non vede l’ora di confrontarsi coi suoi miti dai quarti in poi… ma agli ottavi dovrà spuntarla contro Messi!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy