calcio

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale…

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale… - immagine 1
L'esperienza dell'esterno conferma che a Gennaio l'Inter raramente pesca bene.

Redazione Il Posticipo

GENNAIO

—  

Gosens, una avventura che rischia di durare pochissimo. L'esterno sinora si è rivelato l'ennesimo caso di... "pacco" di Natale rifilato ai nerazzurri. Nella finestra di mercato invernale, spesso gli interventi della società sono stati poco incisivi, al netto dei grandi e piccoli nomi che si sono susseguiti ad Appiano Gentile. Quello dell'ex atalantino è solo l'ultimo caso e, a ben vedere, neanche quello più illustre.

CHI?

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale…- immagine 2
—  

Gennaio non è mai stato un mese troppo fortunato per i colori nerazzurri. Nell'inverno del  2019 a Luciano Spalletti viene portato in dote Cedric Soares. L'esterno, preso in prestito con diritto di riscatto dal Southampton,  doveva essere l'arma in più per il gioco del tecnico toscano ma si è rivelato poco meno di un rincalzo. Ha giocato appena 500 minuti prima di andarsene senza rimpianti.

INUTILE

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale…- immagine 3
—  

L'anno prima non va meglio. Il primo acquisto di gennaio dell’era Spalletti è stato LisandroLopez, non esattamente entrato nella storia del club nerazzurro. Il portoghese gioca in tutto 45’. Entrato contro il Bologna, non ha più giocato. L’Inter, in emergenza, ha preferito persino schierare Santon centrale piuttosto che rispolverare un calciatore scaricato poi anche dal Benfica.

VENDETTA

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale…- immagine 4
—  

Sainsbury entra nella storia dell’Inter per essere il primo calciatore australiano a indossare la maglia nerazzurra. A dire la verità, non la veste molto spesso: acquistato a gennaio del 2017, gioca appena cinque partite con l’Inter senza lasciare il segno. Lasciato andare senza rimpianti, si vendica qualche settimana fa con la maglia del PSV, contribuendo all’eliminazione dalla Champions dell’Inter.

PIGRO

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale…- immagine 5
—  

Podolski arriva all’Inter a gennaio del 2015 da campione del mondo, ma anche per svernare. In nerazzurro colleziona appena 17 presenze e 1 gol. Un bottino piuttosto magro. L’esatto contrario del suo fisico: in evidente sovrappeso, il calciatore stenta a trovare la forma fisica e un posto in squadra. Escluso dai titolari, mai un sussulto. La sua cessione passa inosservata.

FUSTONE

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale…- immagine 6
—  

Vai a fidarti degli amici. A proposito di calciatori fuori forma a gennaio 2015, l’Inter ne pesca un altro niente male, ancora dal Bayern Monaco. Shaqiri è il giocatore culturista per eccellenza, ma la sua forma fisica all'inizio ricorda più quella di un...fustino che di un fusto. Rimessosi in sesto, colleziona appena 3 reti, sufficienti però a convincere lo Stoke a prelevarlo e... retrocedere.

RITORNO

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale…- immagine 7
—  

Il 2 febbraio del 2015, fortemente voluto da Roberto Mancini, Davide Santon torna a vestire il nerazzurro dopo l’esperienza inglese al Newcastle. Il ritorno non è affatto indimenticabile: l’esterno destro non farà mai la differenza, anzi entra nel mirino dei tifosi come capro espiatorio della sconfitta del 2017 con la Juventus, il che lo costringerà a lasciare Milano.

DELUDENTE

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale…- immagine 8
—  

Anche l'arrivo del brasiliano Hernanes, che arriva proprio il 31 gennaio del 2014 dalla Lazio, non esattamente uno scarto, riesce a convincere. La sua esperienza all’Inter è tutt’altro che entusiasmante. Dopo un buon avvio si smarrisce e perde lo smalto mostrato alla Lazio. In nerazzurro colleziona 52 presenze e appena 7 gol, di cui due realizzate proprio alla sua ex squadra. Non lascia comunque il segno.

POLVERI BAGNATE

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale…- immagine 9
—  

L’Inter, a gennaio del 2013 ha bisogno di un attaccante. E prova a rinforzarsi in attacco annunciando l’acquisto di Rocchi dalla Lazio. Usato sicuro, ma il bomber della Lazio non ritrova la confidenza con il gol mostrata in biancoceleste. In nerazzurro totalizza 15 presenze e tre reti che non gli valgono, a fine stagione, il rinnovo del contratto. Andrà al Padova.

TROPPO TARDI

L’Inter e i “pacchi di Natale”: Gosens è solo l’ultimo dei tanti flop del mercato invernale…- immagine 10
—  

Il presidente Sensi lo definisce “una fregatura” data all’Inter. Ingeneroso definire Batistuta come tale, ma l’apporto alla causa nerazzurra è assolutamente limitato, complice una condizione fisica ormai appannata e logora da anni di lotte e gol con Fiorentina e Roma. All’Inter nel gennaio del 2003 non lascia il segno. 12 presenze e due reti, una storica al Como: la 200esima in A.