Lingard racconta il talento sprecato di Morrison: “Sono cresciuto con lui e Pogba e Ravel aveva davvero tutto per sfondare…”

Lingard racconta il talento sprecato di Morrison: “Sono cresciuto con lui e Pogba e Ravel aveva davvero tutto per sfondare…”

Ravel Morrison è passato dall’essere una delle migliori promesse del calcio d’oltremanica a uno dei simboli di un talento enorme sprecato. L’ex laziale è cresciuto nello United con Pogba e Lingard, e secondo l’inglese poteva avere una carriera luminosa come quella del francese. Peccato per tutti quei comportamenti…

di Redazione Il Posticipo

Ravel Morrison è passato dall’essere una delle migliori promesse del calcio d’oltremanica a uno dei simboli di un talento enorme sprecato. E per chi non ci crede, valga la citazione di Sir Alex Ferguson quando era ancora un giovanissimo: “Ha un talento naturale che non ho mai visto in nessun ragazzo con cui ho lavorato”. E dire che Morrison ha giocato nelle giovanili con due delle stelle dello United attuale: Pogba e Lingard. E proprio secondo una delle stelle di quei Red Devils, l’ex calciatore della Lazio aveva davvero tutto per sfondare. L’attaccante dello United parla di Morrison a Tribal Football e spiega quanto effettivamente il talento del suo ex compagno sia stato gettato alle ortiche.

TALENTO – “I migliori compagni di squadra che ho avuto erano Ravel Morrison e Paul Pogba. Ravel tecnicamente era molto dotato, aveva un talento naturale nel tiro e nel dribbling. Aveva davvero tutto per fare una grandissima carriera”. La questione è che, per quanto problematici anche loro (chiedere a Mou per informazione), sia Lingard che Pogba sono riusciti a rimanere nei binari e a far fruttare il loro talento. Non si può dire lo stesso di Morrison, che si è perso tra una miriade di comportamenti per nulla professionali, mentre Pogba ha vinto il mondiale… “Conosco Paul da quando ha 16 anni, già all’epoca era enorme ed è maturato anno dopo anno. Guardate che giocatore che è diventato…”.

MORALE – Una lezione da cui trarre una morale: senza impegno, non si arriva da nessuna parte. Quello che ha sottolineato anche Rio Ferdinand, parlando al podcast The Beautiful Game. L’ex difensore ha ricordato quando Sir Alex lo ha chiamato per mostrargli il talento di Morrison. E lo scozzese era convinto di aver trovato un diamante grezzo. “Ha chiamato me e Rooney un giorno e ci ha detto. ‘Guardate quel ragazzino. È meglio di te quando avevi la sua età, Wayne, meglio di te, Rio, meglio di Giggs’. Io cercavo di dare una mano a Ravel, lo invitavo spesso a casa mia. Ma poi mi hanno detto di smetterla di stargli attorno, perchè pensavano di essere in grado di gestire la situazione”. Alla fine, però, il talento di Morrison si è perso…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy