Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

L’infanzia shock di Richarlison nelle favelas: “Mi hanno puntato la pistola in testa, un tizio pensava che…”

LEEDS, ENGLAND - AUGUST 21: Richarlison of Everton during the Premier League match between Leeds United  and  Everton at Elland Road on August 21, 2021 in Leeds, England. (Photo by Marc Atkins/Getty Images)

Richarlison ha raccontato la sua infanzia nelle favelas. La vita da quelle parti è complicata e i guai arrivano anche quando cerchi di evitarli...

Redazione Il Posticipo

Gol, assist e anche qualche rosso, tanto per sottolineare che oltre alla classe c'è anche un certo caratterino. Normale, del resto, che Richarlison sia abbastanza fumantino e che in Brasile lo chiamassero "il Bandito". Chi, come lui, nasce in una favela dove uno dei pochi mezzi di sostentamento è il traffico di droga, sa che deve essere sempre pronto a difendersi con tutti i mezzi. La vita da quelle parti è complicata e i guai arrivano anche quando cerchi di evitarli... Il calciatore dell'Everton racconta ad AS di una...invasione di campo nella zona di un narcotrafficante che ha rischiato di finire in tragedia.

POVERTÁ - "La mia infanzia è stata molto povera, sono nato in una città del nord dello stato di Espírito Santo, nel sudest del Brasile. È un paesino piccolo, dove molta gente lavora nei campi e c'è molta povertà. Sin da quando ero piccolo ricordo che vedevo mio padre lavorare tutto il giorno per pagare le bollette e ogni mese era difficile avere i soldi per le minime cose, anche se lui si sforzava. E molto presto ho cominciato a lavorare anche io per dare una mano, vendevo caramelle, gelati e quando ero adolescente ho anche raccolto il caffè con mio nonno. Io e i miei fratelli vivevamo in una zona pericolosa, ho visto tante cose brutte come droga e violenza. È stato molto difficile, ma avevo i miei angeli custodi che mi hanno sempre tenuto sulla retta via. Molti dei miei amici di infanzia non hanno avuto la stessa fortuna, alcuni sono finiti nel mondo della droga e altri sono addirittura morti. Ma grazie a Dio e alle persone che mi hanno aiutato sono diventato un calciatore, che è sempre stato il mio sogno anche per dare una vita migliore alla mia famiglia. Mi sento un privilegiato e fortunato, perchè le cose potevano finire in maniera diversa". Come? Nella maniera peggiore, vista una pessima situazione in cui il verdeoro si è ritrovato...

PISTOLA - Un incontro con un narcotrafficante che pensava che il giovane Richarlison gli stesse rubando il lavoro. "Tornavo da scuola con i miei amici e un tizio pensava che stessi vendendo droga nella sua zona. Mi ha puntato la pistola in testa e mi ha minacciato, ma grazie a Dio ho avuto la tranquillità di spiegargli che stavo andando al campo da calcio e che non vendevo nè usavo droghe. Volevano spararmi, ma il calcio mi ha letteralmente salvato la vita. Mi ha lasciato andare, ma ero molto spaventato. Ora è facile parlarne, ma è un qualcosa che ha segnato la mia infanzia e mi ha spinto a cercare un cammino diverso rispetto ai miei amici". . Storie che per fortuna ora riguardano un passato molto lontano. Richarlison ha fatto il grande salto verso la Premier e aiuta la sua famiglia con il denaro che guadagna in Europa. Missione decisamente compiuta. E ora il "bandito", per fortuna, si vede solo in campo.