L’incredibile heatmap di Deulofeu contro il Manchester City: l’ex milanista diventa… “lo scansafatiche”!

Conoscendo bene Guardiola, l’attaccante del Watford ha sicuramente capito prima degli altri che nella partita dei suoi contro i campioni d’Inghilterra non c’era davvero nulla da fare. Di conseguenza, come evidenziato dalla sua heatmap, non è che Deulofeu si sia così sacrificato durante la partita…

di Redazione Il Posticipo

Se c’è qualcuno in Premier League che conosce bene Pep Guardiola, questo è sicuramente Gerard Deulofeu. Il catalano classe 1994 ha passato praticamente più di metà della sua vita al centro sportivo del Barcellona e ha spesso incrociato la sua strada con quella del tecnico del Manchester City. Basterebbe pensare che è stato proprio Pep, nella sua ultima stagione da tecnico blaugrana, a farlo esordire sia in Liga che in Champions League. Dunque, pochi come l’ex milanista sanno intepretare l’allenatore dei Citizens. E sicuramente l’attaccante del Watford ha capito prima degli altri che nella partita dei suoi contro i campioni d’Inghilterra non c’era davvero nulla da fare.

“BATTO IO!” – Alla fine il match è terminato 8-0 e gli Hornets devono anche ringraziare gli dei del calcio che Bernardo Silva e compagni non hanno sforato la doppia cifra, visto che al minuto numero 18 erano già sul 5-0. Di conseguenza, come evidenziato dalla sua heatmap (la mappa che mostra la posizione dei palloni giocati dai calciatori) diffusa da Opta, non è che Deulofeu si sia così sacrificato durante la partita. Il maggior numero di tocchi da parte dello spagnolo è infatti arrivato a metà campo, se non altro perchè ha dovuto battere il calcio d’inizio per ben otto volte: una quando toccava al Watford e le altre dopo le reti della squadra di Guardiola.

SOLO OTTO – Non nove calci di inizio, perchè il numero 7 è stato sostituito dopo 77 minuti, con Quique Sánchez Flores che gli ha risparmiato almeno di riprendere il gioco per l’ultima volta, dopo l’8-0 realizzato all’ottantacinquesimo da De Bruyne. Ma la heatmap è diventata virale sulla rete e ha fatto sì che sui media inglesi Deulofeu diventasse “lo scansafatiche”, visto che esclusa la metà campo non c’è quasi segno di una sua qualsiasi attività utile alla squadra. Non che i compagni abbiano fatto meglio, ma quando su 13 palloni toccati, 8 sono calci d’inizio, è inevitabile che le critiche e le prese in giro arrivino copiose…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy