Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Liga, Stoichkov incorona il Barça e fa arrabbiare il Real Madrid: “Sarebbe giusto terminare il campionato così com’è ora…”

Hristo Stoichkov è blaugrana dentro e odia (sportivamente parlando) il Real Madrid. E quindi la soluzione da lui proposta per la Liga, neanche a dirlo, è quella che fa coincidere queste due visioni del calcio spagnolo: titolo ai catalani e...

Redazione Il Posticipo

Il coronavirus? "Non c'è da aver paura, però bisogna essere disciplinati". Parola di uno che in carriera forse disciplinato non lo è stato mai. Hristo Stoichkov non è esattamente il miglior esempio possibile quando si parla di rispetto delle regole, ma considerando che è stato Pallone d'Oro e che in carriera qualcosina ha vinto, il suo parere sul calcio conta eccome. Per quello che riguarda l'epidemia, il bulgaro spiega a CadenaCope che se tutti quanti fanno quello che devono, la situazione può risolversi eccome. Una visione condivisibile. Non certo come quella su come terminare il campionato spagnolo.

BARCA CAMPIONE - Che Hristo sia blaugrana dentro, ci sono pochi dubbi. Così come ce ne sono pochissimi sul fatto che l'ex Parma odi (sportivamente parlando) il Real Madrid. E quindi la soluzione proposta, neanche a dirlo, è quella che fa coincidere queste due visioni del calcio spagnolo: "Se vediamo più a fondo la questione, sarebbe più giusto far terminare la Liga così come stava prima della sospensione". Cioè con il Barcellona campione, a 58 punti contro i 56 del Real Madrid. Una decisione sulla falsariga di quella della federazione belga, che certamente farebbe infuriare la Casa Blanca e felicissimi i tifosi della squadra di Quique Setien. Improbabile che vada a finire così, ma intanto il grande ex lancia il sasso...

SENZA RETROCESSIONI - E le altre squadre? Visto che la questione Real Madrid, nella visione di Stoichkov, è risolta, per quelle che rimangono il bulgaro ha progetti molto più inclusivi: "Certo, a fondo classifica molte squadre potevano ancora salvarsi, perchè c'erano ancora molte partite da giocare. Si potrebbe far finire il campionato così com'è, non far retrocedere nessuno e far salire le prime due squadre di Segunda Division, facendo così un campionato a 22 squadre. Perchè anche le prime di Segunda hanno lavorato molto e vinto molte partite". Insomma, tutti felici tranne il Real. Nel mondo di Hristo Stoichkov, la miglior soluzione possibile.