Liga, l’allarme del Betis: “Non abbiamo alcun test”

A Siviglia c’è preoccupazione. Nessun test in programma. E riprendere così diviene complicato…

di Redazione Il Posticipo

L’allarme del Betis. Come riportato da AS, la squadra di Siviglia non ha ancora ricevuto le strumentazione per effettuare il test. La denuncia arriva al responsabile dell’area sanitaria Rafael Muela. Il club non ha finora ricevuto alcun aiuto per fronteggiare la pandemia e mettersi nelle migliori condizioni possibili per riudurre al limito i rischi del contagio.

TEST – La parole riportate dal quotidiano spagnolo sono di Rafael Muela e si collocano a metà fra l’allarme e la denuncia di una situazione complicatasi: “Non abbiamo ancora ricevuto un test. Sappiamo solo che questo è un ritorno alla formazione, come stabilito dal protocollo del consiglio superiore dello sport.  La prima cosa è l’esame medico approfondito del giocatore. Dopo la mancanza di contatto per quaranta-giorni, è come se iniziasse una preseason”.

SALUTE – Il dirigente, ovviamente, si concentra sulle direttive e sul protocollo: “Facciamo molto affidamento su ciò che dice il Ministero della Salute, su ciò che dice La Liga e su ciò che dice il CSD, ma soprattutto su ciò che ci dice il Servizio di prevenzione medica sul lavoro. Non smettiamo di essere un’azienda che si occupa di sport. E al momento noi abbiamo in programma solo di effettuare esami medici, anche se sono convinto che le prove, alla fine, finiranno per essere eseguite. D’altra parte, per quelli di noi che sono stati rinchiusi per quaranta giorni, il miglior test possibile per valutare un caso di contagio o anche la possibilità di avere qualche soggetto asintomatico. In questo momento, la possibilità di avere la malattia e di diffonderla sarebbe diminuita molto “.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy