Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Liga, il Ministro della Salute frena: “Non so se sarà possibile giocare in estate”

Tebas parla di ripresa, ma il Ministro della Salute della Spagna, Salvador Illa è stato cauto nel fissare una data specifica per il ritorno della Liga.

Redazione Il Posticipo

Tebas parla di ripresa, ma il Ministro della Salute della Spagna, Salvador Illa, come riportato da AS, è stato piuttosto cauto nel fissare una data specifica per il ritorno della Liga.

FRENATA - Il politico non rallenta, ma addirittura frena. "Non posso dire, in questo momento, se il calcio professionistico sarà in grado di riavviare la propria attività prima dell'estate. Sarebbe sconsiderato da parte mia, dobbiamo aspettare di vedere e capire come si evolve la pandemia prima di riprendere le diverse attività professionali". Il calcio si adegua. "Esiste un ordine del Ministero della Salute in vigore per tutti i tipi di gruppi, anche per il calcio professionistico. L'orizzonte di pensare che lo stato di allarme potrebbe finire tra 15 giorni sembra affrettato, ma vedremo come progredisce".

TEST -  Salvador Illa ha anche fornito dettagli sugli esami a tappeto, volontarie, che inizierà in Spagna in comuni medi e piccoli in 50 province. "Questo percorso coprirà un campione  includerà 36.000 case e che raggiungerà tra le 60.000 e le 90.000 persone. La ricerca sarà condotta in "re onde separate da 21 giorni per vedere "come si evolve la malattia". Grazie a ciò, i dati saranno raccolti a livello provinciale e locale, per età e sesso e per trasmissione comunitaria. E consentiranno di conoscere l '"evoluzione dinamica" della malattia".  La sensazione, dunque, è che anche il calcio dovrà attendere prima di capire se e quando sarà possibile allenarsi, anche considerando che la stessa Liga ha scritto ai club del campionato spagnolo, annunciando "la decisione di rinviare l'esecuzione dei test ai giocatori, al personale tecnico e ai medici", inizialmente fissata per il 28 aprile. Così come il ritorno alle sessioni di allenamento resta comunque legato all'approvazione del protocollo del Consiglio Nazionale dello Sport.