Liga, Bilbao pronto al taglio degli stipendi, parola di Yeray

Liga, Bilbao pronto al taglio degli stipendi, parola di Yeray

Il Barcellona nicchia, l’Athletic Bilbao no. La squadra è pronta ad accettare eventuali riduzioni.

di Redazione Il Posticipo

Il Barcellona nicchia, l’Athletic Bilbao no. La Spagna è messa in ginocchio dalla pandemia e i calciatori baschi non ci hanno pensato su. Come riporta il Mundo Deportivo, la squadra è pronta ad accettare eventuali tagli degli stipendi, parola di Yetay Alvarez.

TRANQUILLI – Il difensore centrale ha spiegato che non sono arrivate richieste. E qualora arrivassero, sono pronti. “Sia io che i miei compagni di squadra siamo tranquilli, l’Athletic è sempre stato unito di fronte alle avversità e non ha problemi. Dunque se in qualsiasi momento dovremmo ridurre il nostro stipendio, nessuno avrà alcun tipo di esitazione, perché denaro e calcio sono secondari rispetto a quanto accade in questi giorni”.

STOP – Fra gli scenari c’è anche quello di non poter finire la stagione: “Speriamo che il campionato possa finire, è quello che vogliamo. Pensiamo sempre alla finale di Coppa, per noi è un grandissimo sogno. Credo sia difficile condensare una stagione in pochissimi mesi, accumuleremmo stanchezza nelle gambe. Giocare undici giornate in un mese è complicato, ma siamo pronti anche a questo. Se dovesse succedere, lo faremo. Quello che vogliamo è chiudere la stagione”.

COPA – Il traguardo è la Copa del Rey in un “derby basco”. La sfida con la Real Sociedad è una partita che il gruppo vuole giocarsi a porte aperte. “Non considero neppure l’idea di giocarla senza pubblico. Questa è una sfida che capita una volta. Le persone sono super eccitate dall’idea di giocarla e vederla, ma adesso è secondario. L’importante è che tutti possano stare bene”. Yeray non prende in considerazioni risultati diversi dalla vittoria. Ed è pronto anche a lasciare un segno indelebile.  “L’importante è dare tutto. Qualora alzassimo la coppa mi sono state “offerte” diverse opzioni, come tingermi i capelli, ma credo che opterei per qualcosa di più duraturo, come tatuarmi la data della vittoria. Del resto non è qualcosa che capiti molto spesso”.

0 Commenta qui


Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy