Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Libertadores, rischio porte chiuse per il Boca. Ameal: “Se necessario, lo faremo”

Anche in Argentina esiste il rischio di giocare a porte chiuse. Allo status quo, tutto nella norma, ma il Boca si rimette alle decisioni delle autorità.

Redazione Il Posticipo

Anche la Copa Libertadores fa i conti con il Coronavirus. Secondo quanto riportato dal quotidiano Olè le squadre argentine che giocano questa settimana il torneo internazionale sudamericano restano in attesa di una decisione del governo nazionale. Per ora le partite si disputeranno con il pubblico, ma non è possibile escludere che la situazione possa subire dei mutamenti.

BOCA  - La prima partita di questa settimana sarà martedì, quando il Boca riceverà l'Independiente Medellín alla Bombonera. Il presidente del Boca Jorge Amor Ameal non esclude clamorosi colpi di scena.  "Parleremo. Se è necessario giocare a porte chiuse per la salute delle persone, lo faremo. Non dobbiamo certo farci sconfiggere dalla paura, ma si devono prendere tutte le precauzioni necessarie".

CONMEBOL - La Conmebol, nel frattempo, ha preannunciato che non prenderà decisioni autonome, nel rispetto delle decisioni dei governi locali. Secondo il protocollo "Data l'eccezionale situazione dell'evoluzione del Coronavirus e secondo le raccomandazioni delle autorità sanitarie internazionali, analizzerà in dettaglio ogni possibile rischio. La Confederazione agirà in accordo con i governi nazionali e locali, stabilendo le misure pertinenti per preservare la salute di atleti, tifosi e la grande famiglia del calcio continentale".

EVOLUZIONE - Tuttavia, quando al Ministro della salute della città di Buenos Aires Fernán Quirós è stato chiesto direttamente delle partite della Copa Libertadores, ha spiegato: "Non esiste uno spettacolo sportivo che abbia, per ora, prevista la presenza di europei. Non è necessario prendere un'altra decisione perché l'Argentina non sta diffondendo il virus oggi". Tuttavia secondo Olè la situazione potrebbe cambiare ad un certo punto nel caso di una nuova direttiva del governo nazionale.